17 C
Bastia Umbra
27 Febbraio 2024
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Cultura

Assisi: sabato 5 aprile inaugura la mostra “carte private”

Alla Minigallery si è conclusa la mostra di Lello Torchia in cui pittura e scultura “dialogavano” alla ricerca di tracce ispirate alla vita di Francesco d’Assisi.

Le opere saranno ancora visibili durante questa settimana fino all’avvicendarsi con la mostra “carte private” sabato 5 aprile dedicata all’artista Enzo Cursaro e alla sua produzione su carta, introdotta da un testo di Gillo Dorfles. L’inaugurazione è prevista per sabato 5 aprile a partire dalle 17.00 in via Portica nr. 26 ad Assisi.

 

Spazio espositivo: MINIGALLERY

Galleria d’arte contemporanea nel centro storico di Assisi

Via Portica nr.26, 06081 Assisi (PG)

 

Titolo evento: Carte Private

Data vernissage: sabato 5 aprile

Data di chiusura: domenica 27 aprile

Presentazione: testo di Gillo Dorfles

Orari di apertura: 10.30/13.30 – 15.00/19.30, chiuso il mercoledì

Biglietto: ingresso gratuito per tutti

Orario vernissage: 17.00

Patrocini: Città di Assisi,

Curatore: Minigallery

Artista: Enzo Cursaro

 

Testo Critico di Gillo Dorfles

Non c’è dubbio che il nero sia, di tutti i colori e “non colori”, una delle matrici più potenti: tutto ciò che fuoriesce, germina, sboccia da una superficie nera è già di per sé luminoso, vitale.

E’ forse anche questa la ragione per cui molti dei dipinti di Enzo Cursaro – soprattutto la serie “impronte”, ma anche i più recenti disegni – presentano una potenzialità che attinge la propria potenza, proprio dalla assenza cromatica.

Certo, la serie dei disegni su carta e su tela del 2005 hanno privilegiato l’aspetto segnico di filiformi costellazioni a quello più massiccio e consistente delle precedenti “Sospensioni”, ma questo ha anche permesso all’artista di far risaltare una valenza cromatica che in precedenza rimaneva sospesa dal predominio dell’ombra sulla luce. Questo ci spiega altresì l’attuale esplosione di segni colorati, di ghirlande di tinte pallide ma incisive, che evidentemente sono sgorgati dalla precedente stagione più densa e compatta; e che ci dicono come Cursaro abbia saputo “perforare” le tenebre e dar vita a una espressività molto cauta e al tempo stesso penetrante che ci permette di intravedere una prossima più compiuta, coniugazione tra il “vuoto” dell’assenza e il “pieno” d’una presenza.

 

03/04/2014

Stefano Frascarelli

Lascia un commento