9.5 C
Bastia Umbra
30 Novembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

Ad Assisi il Capodanno francescano “Ti ri-Guarda” attesi 2000 giovani

A distanza di soli due mesi dalla venuta di Papa Francesco ad Assisi e dall’incontro che ha fatto ai giovani in Santa Maria degli Angeli, invitandoli a guardare in avanti e a non aver paura di fare passi definitivi e coraggiosi, la Pastorale giovanile e vocazionale dei Frati Minori della Porziuncola organizza nuovamente l’evento più atteso dell’anno: il Capodanno francescano ad Assisi. Il titolo di questo anno è “Ti ri-Guarda”; la tua vita, ti riguarda; il Signore Gesù ti riguarda, il fratello che bussa alla tua porta ti riguarda; non puoi essere indifferente. Ecco il titolo e la tematica principale di questo Capodanno. La vita è dono e non va sprecata ed è per questo che è stata scelta la Parola di Isaia 43 per accompagnare questo momento: “Non temere, perché io ti ho riscattato,â¨ti ho chiamato per nome: tu mi appartieni”, essa provocherà i giovani a vivere sul serio e in pienezza la propria vita.
Per il 31 pomeriggio sono previsti circa 2000 giovani a Santa Maria degli Angeli per la catechesi delle ore 18 nel Santuario della Porziuncola, tenuta da p. Francesco Piloni, animatore vocazionale della nostra Provincia Serafica; a seguire la cena nei vari luoghi; alle ore 20.30 una festa di animazione e gioia per i giovani nel Palasir di S. Maria degli Angeli, con un momento bello di testimonianza di un giovane che ha incontrato Gesù e gli ha cambiato la vita e poi processionalmente e con la preghiera ci si recherà nella Basilica, dove alle ore 23.30 inizierà la Celebrazione Eucaristica presieduta da p. Fabrizio Migliasso, custode della Porziuncola. Nella mattinata del 1 gennaio 2014 alle ore 9.30 si concluderà questo evento con un momento catechetico presso la Domus Pacis a S. Maria degli Angeli.
L’evento sarà trasmesso anche via web tv  su www.porziuncola.org
per informazioni: www.assisiofm.it

29/12/2013
Ufficio Stampa dei Frati Minori di Umbria e Sardegna

Lascia un commento