18.8 C
Bastia Umbra
3 Ottobre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Giornale dell'Umbria

Per il Pd una donna e due alternative

brozziBastia, il centrosinistra alla scelta del candidato a sindaco: l’otto dicembre la presentazione, in pole l’avvocato Segatori

Nomi e strumento In lizza ci sarebbero anche Marco Ranocchia e il preside Luciano Raspa: non è escluso il ricorso alla “conta” delle primarie

di LUCIO FONTANA
BASTIA UMBRA – Spesso in politica, come nelle altre attività della vita, serve la decisione capace di creare l’innesco che metta in moto un processo a catena. A Bastia a farlo è stata la ricandidatura del sindaco uscente Stefano Assideri, che ha rotto gli indugi e si è riposizionato al centro dell’arena elettorale. Con lui il Pdl e, molto probabilmente, anche Fratelli d’Italia. L’ipotesi di andare alle primarie per la scelta del candidato a sindaco è solo un ricordo, Ma lo strike di Ansideri non poteva non avere conseguenze sul campo del centrosinistra e del Pd in particolare. L’uomo forte del partito, il coordinatore comunale Vannio Brozzi, rieletto a larga maggioranza, ha immediatamente innescato la prima. «La ricandidatura di Ansideri? Non ci sorprende, ma questa Giunta, al di la degli annunci mediatici, non ha fatto nulla, e tra i cittadini sono ormai in tanti ad accorgersi che dalle parole non si è passati ai fatti. Poi, per quanto mi riguarda, ho trovato a dir poco sgradevole l’attacco che il sindaco uscente rimarca Brozzi – ha sferrato ai suoi predecessori. Ansideri, che nel 1985 era un consigliere della Democrazia cristiana, dovrebbe sapere che il centrosinistra ha accompagnato Bastia verso lo sviluppo e la crescita». Fin qui la polemica, ma Brozzi sembra avere in serbo anche una sorpresa per quanto riguarda il candidato a sindaco. Se non ci saranno cambi di programma dell’ultimo minuto, il coordinatore l’otto dicembre, giorno delle primarie per la scelta del segretario nazionale, intende presentare ufficialmente il candidato. Tra i nomi che circolano con più insistenza c’è quello dell’avvocato Stefania Segatori, che vanta un impegno al fianco del comitato contro il biogas.
Il coordinatore comunale e un pezzo del partito punterebbero su di lei per strappare al centrodestra il Comune. Ma in pista, o comunque pronti ad un impegno, ci sarebbero anche l’imprenditore Marco Granocchia, padre del giovane talento che gioca nelle file dell ‘Inter, e il presidente del comitato contro il biogas e preside di scuola media, Luciano Raspa. Questo è il quadro che emerge dalle indiscrezioni che circolano in queste ore all’interno del Pd bastiolo. A chi verrà assegnata la palma di candidato a sindaco? Difficile fare previsioni, anche se non è da escludere, in caso di conflitto all’interno del gruppo dirigente, il ricorso alle primarie. Per capire, si tratta di aspettare. Abbastanza chiara, invece, sembra essere l’intenzione di stare in partita del Movimento 5 stelle. Una cosa è certa: a Bastia le prossime settimane saranno all’insegna della frenesia. Per tutti è giunta l’ora di mettere le carte in tavola.

Lascia un commento