20.6 C
Bastia Umbra
28 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Majella rivendica: “Quel gol è mio” E intanto Vescovi promuove Fulop

majella2.bmpQUI BASTIA-I due eroi della domenica

Il preparatore dei portieri biancorossi: “E’ un predestinato”

BASTIA UMBRA Segna Majella, conserva Fulop. Così, grazie alle prodezze di questi due suoi giocatori,eroi di giornata, il Bastia ha potuto continuare il suo buon momento di forma. Sull’importantissima vittoria di Fiesole, però, non ci sono solo le firme in calce di Majella e Fulop ma anche il sudore e l’abnegazione di tutta la squadra ancora una volta mandata in campo da Magrini con i giusti equilibri fra i reparti.Molto felice il giorno dopo il bomber Majella che ha tenuto a precisare una cosa molta importante: l’attribuzione del primo gol.“E’ mio a tutti gli effetti” ha ribadito. Ed ha ragione l’attuale capocannoniere del girone. Infatti, secondo le attuali norme vigenti il gol si assegna a chi ha scagliato il tiro in porta. Le attenzioni e i festeggiamenti nel dopo gara, sono andate tutte sul giovane portiere Gergo Fulop, autore prima del triplice fischio finale di un miracoloso doppio intervento. Chi è dunque Fulop? Arrivato direttamente dai campionati giovanili ungheresi, Fulop, ha effettuato la prima parte della preparazione estiva con la Novese, serie D girone A per poi transitare a Bastia prima di andare a sostenere un altro provino programmato dal suo procuratore con la Ternana poi saltato. Le sue grandi qualità di portiere però non sfuggirono al preparatore Alfredo Vescovi che subito relazionò Magrini.“Sono rimasto coinvolto dalla sua grande disponibilità – racconta Vescovi -; pur conoscendo ancora poche parole della nostra lingua, Greg, si mise a disposizione è già un buon portiere con ampie prospettive di crescita e farà, sono certo oltre le fortune del Bastia anche della sua prossima società.La sua completa consacrazione,sono certo avverrà nei campionati superiori, è un predestinato”.
Leonello Carloni

Lascia un commento