20.6 C
Bastia Umbra
28 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Nazione

Majella decisivo, il Bastia detta legge nella tana del Fiesolecaldine

MAJELLA3.bmpVittoria in trasferta Il cannoniere sempre più protagonista del campionato. A niente serve il sigillo dei toscani su rigore

FIESOLECALDINE: Ivan 6, Chirici 5.5, Triarico 5.5 (dal 7’ st Donadi 6), Ettorre 5.5 (dal 12’ st Sanni 6) Bartolozzi 6, Malquori 6.5, Iaquinandi 5, Cicali 6, Aperuta 6 (dal 22’st Campus sv), Costa Slaviero 6.5, Contu 6. A disp.: Squarcialupi , Lunardi , Benvenuti R. , Chini, Corri, Scala.
Allenatore: Carobbi.
BASTIA: Fulop 7, De Pasquale 6, Stoppini 6, Mattia 6.5, Cossu 6.5, Pierotti sv (dal 21’ Annibaldi 6), Toma 6 (dal 32’ Arcioni sv), Marchetti 6.5, Baccarin 6 (dal 7’st Fabris ) Fontanella 6, Majella 7. A disp.: Mancioli, Baldinelli, Bellavita, Bizzarri, Pelliccia, Arcioni, De Santis. Allenatore: Magrini.
ARBITRO: Sig. Berger della sez. di Pinerolo.
Reti: 38’ Chirici (autorete), 14’ st Costa Slaviero (rig.), 23’ st Majella (rig.).
Note: Recupero 1’+3’; angoli: 4-2 in favore del Bastia.
Ammoniti: Ettorre, Cicali, Marchetti, Cossu e De Pasquale per gioco falloso.
Caldine-NON BASTA un grande cuore al Fiesolecaldine per agguantare il pareggio contro un Bastia cinico e tecnicamente superiore ai fiorentini. Sfortuna ed errori sotto porta hanno portato alla sconfitta la formazione di mister Carobbi. Sotto un diluvio che non lascia un attimo di tregua ai ventidue in campo, la partita fatica a decollare.
TROPPI gli errori in fase di appoggio da entrambe le squadre. Il tutto fino a quando i calciatori non capiscono che forse é meglio lanciare il pallone in avanti sperando in un errore dei difensori. I primi a capirlo sono gli umbri che con Majella (nella foto) e Marchetti hanno una marcia in più. Il primo tiro pericoloso arriva al 30’ con Fontanella che lavora un bel pallone a limite, calcia di destro ma la sfera termina alta. Il Bastia crede di più nel vantaggio e a pochi minuti dal termine trova un pertugio nella difesa fiorentina grazie ad una triangolazione stretta al limite, Cicali é costretto al fallo. S’incarica Majella che trova la fortunata deviazione di Chirici che mette fuori causa l’incolpevole Ivan.
MISTER CAROBBI nell’intervallo carica i suoi che nel secondo tempo si trasformano. Prendono in mano il pallino del gioco e al 9’st Iaquinandi apre sulla destra per Aperuta che crossa in mezzo per Costa Slaviero che stoppa e tira ma la sua girata é alta. Passano cinque minuti e Sanni si conquista un calcio di rigore per fallo di mano di Cossu. Batte il brasiliano Costa Slaviero che non sbaglia per il pareggio. Il Bastia accusa il colpo e si rinchiude a difesa della sua area.
I FIORENTINI però non fanno i conti con quella volpe d’area di rigore di Majella che si guadagna un penalty sacrosanto. Lo stesso Majella spiazza Ivan per il gol vittoria. Nel recupero Fulop salva il risultato con un doppio intervento da autentico fenomeno prima sul colpo di testa di Malquori e poi sulla ribattuta di Bartolozzi.
Lorenzo Matteucci

Lascia un commento