15.9 C
Bastia Umbra
26 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Giornale dell'Umbria

Bastia, acque agitate dopo il ko col Foligno Screzi fra Bartolucci e il tecnico Magrini

Il-Presidente-del-Bastia-Paolo-BartolucciMAGRINISerie D Il ds Aglini: «Il presidente si è preso del tempo per riflettere sulla situazione»

di SIMONE MAZZUOLI
BASTIA UMBRA – Il Bastia perde la sua mini striscia positiva fatta di sei partite utili consecutive. La sconfitta nel derby con il Foligno brucia, ma resta la classifica a dare morale al l’undici di Lamberto Magrini che ora è chiamato a preparare una settimana delicata in vista della sfida di domenica al Comunale contro il Flaminia . Settimana che potrebbe essere ancor più delicata se trovassero riscontro le voci di un contrasto sempre più marcato tra il tecnico di Magione e il presidente Bartolucci. Secondo i bene informati il dopo gara con il Foligno ha riservato una coda al veleno tra i due protagonisti. Bartolucci non smentisce e preferisce glissare sull’argomento. «Anche se fosse successo qualcosa- dice il numero uno del Bastia – preferisco non parlare di queste cose. Anche perché non è il momento. Quando sarà opportuno affronteremo la vicenda». Il presidente preferisce parlare del derby appena giocato. «Erano tanti anni che non si giocava questa partita- ha sottolineato lo stesso Bartolucci – e da parte nostra era particolarmente sentita. Ce la siamo voluta giocare alla pari, e credo che la prestazione che abbiamo mostrato in campo ha detto che probabilmente non meritavamo la sconfitta. Siamo scesi in campo tranquilli e sereni, purtroppo in occasione del gol di Menchinella forse potevamo fare qualcosa di meglio, probabilmente anche il nostro portiere non è esente da colpe, ma ci può stare. C’è stata una bella reazione, abbiamo sofferto poco e creato molto più gioco degli avversari in seguito. Nonostante avessimo di fronte una grande squadra, credo che le condizioni pessime del terreno di gioco abbiano penalizzato più noi del Foligno. Comunque, andiamo avanti per la nostra strada. Mi è piaciuto lo spirito, l’atteggiamento dei ragazzi. Anche se si è interrotta una striscia positiva, meglio aver visto una squadra viva e combattiva piuttosto che una sparagnina e senza verso». Sulla discussione a fine gara con il tecnico il presidente non vuole prendere posizione. A smorzare i toni ci prova allora Doriano Aglini: «Non posso negare – dice il ds -che a fine gara, dopo la sconfitta con il Foligno, c’è stato un piccolo screzio tra il presidente e l’allenatore. I rapporti tra i due non sono forse più buoni come un tempo,però è giusto fare il bene della squadra in questo momento. E ai ragazzi serve tranquillità. Possibili sviluppi? Ho parlato in giornata (ieri ndr) con entrambi. Il presidente si è preso una notte per riflettere bene sulla situazione. Non so se questa frattura sia insanabile o meno. Certo è che qualcosa potrebbe succedere nelle prossime ore».

enbsp;

enbsp;

Lascia un commento