13.2 C
Bastia Umbra
28 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Giornale dell'Umbria

Super Majella e Fontanella-goll Bastia piega il Sansepolcro

NUNZIO MAJELLASotto di due reti già al 13′, i padroni di casa la spuntano per 4-3 nel finale Espulsi Angiolucci e Sorbini: i biturgensi chiudono la gara in 9 uomini

di DANIELE MILLETTI
BASTIA UMBRA – È un vero peccato che una partita spettacolare si concluda con le proteste di una delle due squadre. Al Sansepolcro però, oltre che per delle dubbie decisioni arbitrali, la sconfitta non può andar giù anche per come arriva.
Dopo 13′ infatti i biturgensi già conducono con due reti di vantaggio: Canalini e Cappini puniscono subito una difesa del Bastia che, senza Cossu squalificato e Ciccioli infortunato, è in netto ritardo sulle chiusure. «Peccato!», deve pensare qualche tifoso biancorosso, perché il Bastia nel complesso non dà una cattiva impressione, specie sulla fascia destra dove De Santis e Fontanella rendono la vita difficile a Bruni. La fortuna per il Bastia è quella di trovare subito l’episodio per concretizzare tali belle sembianze e riaprire la partita: Canalini, in barriera, tocca con la mano una punizione di Majella; il braccio è attaccato al corpo», sostengono i biturgensi, non così la vede Cenami ed il rigore è trasformato da Majella, Che Majella sia l’arma in più del Bastia non si scopre certo ora: le sue accelerazioni, il modo con cui avvia i triangoli e poi si presenta alla conclusione, sono movenze da gran giocatore. Ed al 39′ il centravanti biancorosso sì guadagna la punizione che trasforma in rete magistralmente. Dall’altra parte invece impressiona nel primo tempo Canalini, uomo ovunque dell’attacco bianconero, in un Sansepolcro che risponde colpo su colpo al Bastia come dimostrano i tiri a lato di Sorbini (38′) e lo stesso Canalini (46′). Ad aprire la ripresa il secondo episodio contestato dai bianconeri: lozzi a trattiene Annibaldi in arca; la trattenuta è solare ma per i bianconcri il bastiolo parte in posizione di offside. Ancora una volta è diversa l’interpretazione dell’arbitro, e con la trasformazione del rigore Majella sigla la tripletta personale e il vantaggio del Bastia.
Furente è la reazione dei toscani; al nervosismo che dà adito e forza alle gambe si somma però quello che non sa tenere a freno la lingua, come dimostra l’espulsione di Angiolucci per una parola di troppo al direttore di gara (64′). L’inferiorità numerica non impedisce al Sansepoicro di pareggiare 3′ più tardi a coronamento di una grande pressione con una punizione da manuale di Gorini, che potrebbe bissare sempre su calcio franco poco dopo. Che Magrini M superiorità numerica voglia vincere la partita è comprensibile: si leggono cosi gli inserimenti di Baccarin sulla trequarti e Bizzarri a sinistra, mentre il Sansepolcro, rimasto addirittura in 9 dopo l’espulsione di Sorbini all’83’ per gioco violento, è costretto alle barricate. La rete della vittoria bastiola arriva al 95′, con Fontanella che realizza di testa su una mischia. Per i bianconeri la punta bastiola è in fuorigioco, ma la loro visione cozza ancora con quella del direttore di gara.
Il dopo gara Delusione e rabbia nelle parole del tecnico ospite. Il dg di casa Aglini può esultare: «Bravi, grande carattere»
Fani amaro: «Ko immeritato, arbitraggio da dimenticare»

BASTIA UMBRA – «In tanti anni di militanza non ho mai visto una partita condizionata così dal direttore di gara».
Esordisce cosi Roberto Fani, tecnico del Sansepolcro, che poi rincara la dose: «Credo che tutti abbiate visto quel che è successo. Stavamo controllando la partita dopo i due gol realizzati in avvio, quando l’arbitro si è inventato il primo rigore. Com’è possibile fischiare quando un giocatore in barriera tiene ì I braccio attaccato al corpo? Per non parlare poi dei fuorigioco non segnalati che ci sono costati il terzo e il quarto gol. Ma a parte gli episodi, una partita assolutamente non cattiva non può concludersi con una squadra che conta sei ammoniti e due espulsi e l’altra un solo ammonito. Una gestione pessima… Dulcis in fundo? L’assistente che, due minuti prima della loro quarta rete, prima segnala un loro fuorigioco e poi abbassa repentinamente la bandierina facendo continuare il gioco. Non mi sento di rimproverare i miei espulsi; è vero che non dovrebbero prendere cartellini gratuiti, ma in questa situazione è dura mantenere i nervi saldi».
In casa Bastia c’è soddisfazione per la seconda vittoria consecutiva, specie per come è arrivata. «Chi ci è venuto a vedere non s’è di certo annoiato», dichiara il direttore generale Doriano Aglini: «Siamo stati bravi a reagire dopo l’1-2 iniziale del Sansepolcro, che avrebbe stordito chiunque. Non scordiamoci poi che mancavano tra le nostre fila giocatori importanti come Ciccioli, Palavisini e Cossu; insomma una vittoria che fa morale e segue quella altrettanto importante di Spoleto. Le loro recriminazioni? Non credo che l’arbitro abbia inciso particolarmente sul risultato; anche prima della punizione del 3-3 c’era un fallo su un nostro giocatore… Gli errori arbitrali ci stanno cosi come quelli dei giocatori».
D. MIL.

LE PAGELLE
Mattia è essenziale Fabris, corsa e qualità Cappini una scheggia

BASTIA
MANCIOLI 6 incolpevole sui gol, c’è sull’ordinaria amministrazione.
DE SANTIS 6,5 Mostra un’ampia falcata.

ANNIBALDI 5 Perde Canalini sull’ 1-O e si fa anticipare da Cappini sul 2-0. Si riscatta parzialmente guadagnandosi il rigore del 3-2.
PIEROTTI 5 Canalini gli va via facilmente sul secondo gol.
STOPPINI 6 E’ solido e non disdegna qualche raid offensivo.
MARCHETTI 5,5 Buono in copertura, ma sbaglia qualche pallone di troppo (dal 23’st ARCIONI 6 dirige l’assalto finale).
MATTIA 6 Essenziale davanti alla difesa (dal 30’st BIZZARRI 6 Senza infamia né lode).
TOMA 5,5 Si estranea per lunghi tratti dal match.
FABRIS 6 Tanta qualità unita a corsa e generosità (dal 30’st BACCARIN 6 partecipa alla ricerca della vittoria).
FONTANELLA 7 La spalla di Majella si fa notare per la corsa; il gol del 4-3 è una dolce ciliegina.
MAJELLA 8 Parlare solo della tripletta non renderebbe giustizia ad una prestazione eccellente.
All. MAGRINI 6,5 La sua squadra reagisce al pessimo avvio; innegabile segnale di carattere.

SANSEPOLCRO
VADI 5,5  Ne prende quattro, non ha colpe ma pecca in sicurezza.
ANGIOLUCCI 5 Lascia i compagni in dieci per proteste in un momento chiave. BRUNI 6 Con De Santi s e Fontanella se la cava con mestiere
IOZZIA 6 Un solo appunto: la trattenuta troppo evidente nel rigore del 3-2.
TAVERNELLI 6 Gara diligente ma senza spunti (dal 34’st BASTIANONI SV).
CHIASSERINI 5.5 Tanta corsa, ma non garantisce il cambio di passo che ci si aspetta.
GORINI 6,5 Una regia elementare ma efficace, condita da una punizione da manuale.
MARINELLI 6 1 suoi cross sono pennellate, in copertura lascia spesso Bruni al suo destino.
SORBINI 5 Tanta quantità, ma l’espulsione per un colpo gratuito ad un avversario é un’ imperdonabile ingenuità.
CANALINI 7,5 Il migliore dei suoi: gol, assist e movimento. Poi cala, ma il 1° tempo è da incomiciare (dal 36’st MORETTI SV).
CAPPINI 7 Una scheggia di fascia: velocità e dribbling da gran giocatore. (dal 42’st PANICI II SV)
All. FANI 6 La squadra c’è, gli episodi lo condannano ma la sua impronta sul gioco si vede.
D. MIL.
BASTIA (4-3-1-2) Mancioli 6; De Sonda 6.5, Annibaldi 5, Pierotti 5, Stoppini 6; Marchetti 5.5 (23’st Arcioni 6) Mattia 6 (30′ st Bizzarri 6), Toma 5.5; Fabris 6.5 (30′ st Baccarin 6); Fontanella 7, Majella 8. A disp. Fulop, Bellavita, Baldinelli, Ferranti, De Pasquale, Pelliccia. All. Magrini 6.5
SANSEPOLCRO (3-4-3) Vada 5.5; Angiolucci 5 Bruni 6, Iozzia 6; Tavernelli 6 (34′ st Bastianoni sv), Chiasserini 5.5, Gorini 6,5, Marinelli 6; Sorbini 5, Canalini 7,5, Cappini 7 (42′ st Panichi sv). A disp. Becci, Giorni, Cuccolini,Braccalenti, Terzini, Zai. All. Fani 6
ARBITRO Cenami di Rieti 6 (Tordisca, Morlacchetti)
MARCATORI 5′ Canalini (S), 13′ Cappini (S),17′ rig.,39′ e 9′ st rig. Majella (B), 22’st Gorini (S), 50’st Fontanella (B)
NOTE Espulsi al 19′ st Angiolucci (S) per espressioni irriguardose verso l’arbitro, al 38′ st Sarbini (S) per gioco violento e al 45′ st Terzini (S, dalla panchina) per proteste. Ammoniti: Mattia (B), Marinelli, Chiasserini, Bruni,Iozzia, Sorbini, Canalini (S). Spettatori: 200 circa. Angoli: 4-3. Rec. 1’pt, 5′ st.

enbsp;

Lascia un commento