15.9 C
Bastia Umbra
26 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Politica

Sui musei assisani l’Amministrazione Comunale risponde a Pettirossi

Bisogna riconoscere che il capogruppo consiliare del PD, Simone Pettirossi, per certi versi è un artista: riesce a portare ad esasperazione preziosistica, fine a se stessa, una attività politica di opposizione senza novità, senza cambiamenti, senza progressi di crescita, ripetendone temi e argomenti sino al logoramento, con un ripiegamento irrevocabile su se stesso da motivo di preoccupazione.
Ciclicamente, come fossero cure palliative, propina all’informazione pubblica fumose e inconcludenti polemiche nei momenti meno opportuni o proficui per esse stesse, con una emotività improvvisata e approssimativa, senza alcuna possibilità di portare un contributo concreto alla propria causa.
Adesso è la volta dei servizi museali assisani ad essere sotto la lente di ingrandimento del “nostro”, dalla Rocca, al Foro, alla Pinacoteca, al “Museo Pericle Fazzini”. Ed è proprio su quest’ultimo, attualmente chiuso per lavori di manutenzione straordinaria, che il consigliere di opposizione concentra una nuova levata di scudi contro una amministrazione municipale “a responsablità illimitata”, secondo lui, su tutti gli atti della vita civile e spirituale del nostro comune.
Anche se oggi è ormai riconosciuta e chiara a tutti la straordinaria identità della città di Assisi in tutte le componenti, ivi inclusa la gestione del suo territorio e delle sue strutture, per Simone Pettirossi, che oltretutto non si avvede del danno che procura alla loro immagine con le sue invettive, “c’è scarsa attenzione per la gestione dei musei”, in particolare per il “Museo Pericle Fazzini”, per i locali del quale ipotizzerebbe “proposte più fruttuose”.
Il Museo Fazzini – assicurano l’Assessore Moreno Massucci ed il Vicesindaco Antonio Lunghi, delegati dal Sindaco Claudio Ricci a verificarne la possibilità di impulsi nuovi nel suo scopo sociale – “non soltanto non chiude i battenti, ma, per il suo alto valore artistico, è interessato da ipotesi di ulteriore valorizzazione”.
L’Assessore Massucci, al riguardo, impegnato a sviluppare una linea di approfondimento in seguito al recente scorporo di alcuni ambienti del piano terra assegnati ad alcune associazioni culturali, proprio per una contiguità con l’autorevole identità della struttura, in sintonia con il vicesindaco Antonio Lunghi sottolinea l’inconsistenza della ennesima polemica del consigliere Pettirossi, dovuta a disinformazione sul reale intento dell’amministrazione di valorizzare meglio il ricco e articolato patrimonio museale di Assisi con un sistema territoriale integrato.

29/10/2013
Amministrazione Comunale di Assisi

Lascia un commento