19.4 C
Bastia Umbra
25 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Inizia la caccia al titolo del rione Moncioveta

Si alza oggi il sipario sull’edizione 51 del Palio de San Michele. Alle 21,30 benedizione di stendardi e mantelli

BASTIA UMBRA Si alza oggi il sipario sulla 51esima edizione del Palio de San Michele, che fino al 29 settembre trasformerà piazza Mazzini in arena per l’emozionante sfida fra i quattro rioni della città: Moncioveta,Portella,San Rocco e Sant’Angelo. Il rione da battere è quello dei rossi di Moncioveta, che l’anno scorso ha trionfato conquistando lo stendardo del cinquantesimo.
I festeggiamenti ufficiali si apriranno questa sera, alle 21,30, nella centralissima piazza Mazzini con la cerimonia e la benedizione di stendardi e mantelli,a cui seguirà la lettura dei bandi di sfida.Da questa sera aprirannoi battenti anche le quattro taverne rionali, dove gustare i migliori piatti della tradizione tipica locale.Partito come festa di piazza, in mezzo secolo il Palio si è trasformato, affermandosi fra gli appuntamenti più importanti e caratteristici nel panorama delle manifestazioni regionali. Ed è proprio al futuro che, in una lettera aperta,il presidentedell’Ente Palio, Marco Gnavolini (nella foto), guarda con ottimismo, alla luce dei “piccoli grandi passi” già fatti per il futuro della festa: “Vogliamo renderlo sempre più roseo e degno di unamanifestazione che coinvolgel’intera comunità bastiola”. Fra i risultati raggiunti il presidente Gnavolini annoverale novità in materia normativa a salvaguardia della festa (comela registrazione di logo emarchi per arginareil fenomeno dei falsi delegati) e, soprattutto,l’impegno per trovare soluzioni al problema di sedi e cucine, con una nuova sede per Moncioveta nell’area Petrini-Mignini e il trasferimento della cucina di Portella. Chiaro l’obiettivo: “Inserire tutte le sedi, taverne e cucine all’interno del Prg”.
“Ringrazio – conclude Gnavolini -i capitani dei rioni, il consiglio dell’Ente,Pro loco, parrocchia e tutti coloro che si sono impegnati in questa edizione e nelle precedenti, perché espressione vera del popolo bastiolo, vivo, vivace ed eclettico, amante di sani ideali e profondi valori che contraddistinguono la nostra città”. In conclusione l’augurio:“Buona festa e che, anche quest’anno,vinca il migliore”.

enbsp;

Lascia un commento