15.9 C
Bastia Umbra
26 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Giornale dell'Umbria

Imprese e commercio,regole dal Comune per l’arrivo del Papa

BASTIA – Per evitare disagi a fornitori e clienti e nel contempo contribuire al sereno svolgimento dell’evento del 4 ottobre «si raccomanda a tutti gli imprenditori e titolari delle attività commerciali di anticipare o posticipare, rispetto alla citata data del 4 ottobre, consegne, forniture ed approvvigionamenti e si rappresenta la necessità di lasciare libere le aree di sosta pubbliche da rimorchi, autotreni e autocarri. Su quest’ultimo punto sarà emessa apposita ordinanza». In occasione della visita del Santo Pontefice ad Assisi in concomitanza con le celebrazioni francescane in onore del Santo Patrono d’Italia, l’assessore alle Attività produttive e sicurezza del Comune di Bastia Umbra, Fabrizia Renzini, ha inoltrato una lettera a tutti gli imprenditori e titolari delle attivita commerciali per una quanto più ottimale organizzazione logistica in cui sottolinea che «l’evento, per la sua dimensione internazionale,
per le numerose autorità religiose e civili presenti, per l’altissimo numero di partecipanti è caratterizzato da una particolare complessità organizzativa sotto i vari profili della accoglienza, della mobilità, della circolazione stradale, della sicurezza e dell’ordine pubblico, della assistenza sanitaria». Dunque, in questo contesto «sono facilmente immaginabili situazioni di crisi sulla viabilità stradale che interesseranno almeno la S.S.75 e la viabilità interna dei comuni di Assisi, Spello e Bastia Umbra ed, in particolare, le zone industriali dove confluiranno centinaia di autobus e automobili per trovare aree di sosta». Per gli stessi motivi, poiché il 4 ottobre cade di venerdì, l’amministrazione comunale ha disposto l’anticipazione della data di svolgimento del mercato settimanale al giorno giovedì 3 ottobre, al fine di garantire la sicurezza, la pubblica incolumità sia per motivi di viabilità che di traffico delle aree pubbliche destinate all’accoglienza dei pellegrini e comunque distolte dal loro uso corrente.

Lascia un commento