18.8 C
Bastia Umbra
3 Ottobre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Politica

Il disappunto del PD nei confronti del consigliere Ridolfi

Anche il giovane Consigliere Ridolfi, espressione di una lista civica – e quindi espressione più sana e pura della società civile, non contaminata dai vizi e dalle incrostazioni dei Partiti – nel rispondere alle semplici, ma chiare domande del Consgiliere Casagrande, preferisce usare la tecnica dei già collaudati Assessori esperti di comunicazione che parlano di tutto, ma non rispondono mai alle domande.
Vogliamo qui ribadire: come giustifica i circa € 800.000 di spesa per la gestione, raccolta e smaltimenti dei rifiuti solidi urbani, con l’imperversare di “mastellonite” dove i contenitori rendono Bastia sporca e obbligano i cittadini a pagare un pesantissimo dazio attraverso la Tares?
Quanti soldi in più spendiamo improduttivamente per la  stesura del nuovo PRG, questo strano oggetto del desiderio?
E come giustifica il pagamento dello spettacolo dei Pooh con moneta contante da parte dell’Amministrazione Comunale? E poi: che dire della progettanda megastruttura scolastica che impegnerà bilanci per alcune decine di anni togliendo altresì servizi primari in frazioni importanti della nostra città?
E poi, visto che Lei consigliere Ridolfi che è così solerte come un gendarme ossequioso al comandante, ci saprebbe dire quando ridaremo un po’ di dignità a quel tratto di percorso verde distrutto e vilipeso?
Ma l’indagine in corso che fine ha fatto? I controlli a chi competono? E la ”città sicura” dell’Assessore Renzini dove tutti controllano ma nessuno vede mai niente? Non si è accorta che stavano tagliando tutto il percorso verde? Lo so: Lei si consola ascrivendo come successi della sua Amministrazione la riscoperta della Rocca Baglionesca. Non è
un merito della Giunta Ansideri, ma era un’opera prevista e obbligatoria da realizzare da parte dell’impresa costruttrice dell’area ex Lolli, progetto tanto criticato, ma che ha ridato splendore ad uno dei pochi spazi storici del centro rimasti in piedi.
E i tanti impegni e proclami per i Rioni: che fine hanno fatto? Anche questi sono caduti miseramente nell’oblio? Fortuna che la festa – prima religiosa e poi laica – mobilita l’intera città e supera elegantemente le lacune e le promesse non mantenute della Giunta.

21/09/2013

PD Bastia

Lascia un commento