18.9 C
Bastia Umbra
7 Ottobre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Giornale dell'Umbria

Debutta Majella e si vede subito: prima vittoria per il Bastia

Doppietta e Scandicci ko (2-1)

ll film della gara-I padroni di casa colpiscono due legni nel primo tempo Nella ripresa le due reti del puntero intervallate dal pari dei toscani con Kouko

di NICOLA FREDDI
BASTIA UMBRA — li Bastia c’è. E soprattutto c’è Nunzio Majella. Per il bomber campano un esordio sognato in nottata (parole sue), una doppietta pesantissima che scaccia i fantasmi e regala al Bastia la prima vittoria in campionato. In attesa di vedere il tandem con Fontanella, ancora fuori dopo Nami per un acciacco, il Bastia si sode il suo bomber, l’uomo preso in estate per cercare di cancellare in fretta le partenze di Urbanelli ed invemizzi. Missione compiuta, almeno per il momento.
Per l’ex Deruta e Pierantonio una manciata di palloni toccati e due gol: meglio di così non si può. Nel primo tempo Majella si prende il tempo per ambientarsi e a prendersi la scena sono i due interni di centrocampo De Santis e Torna, che centrano due traverse clamorose: il primo di volée sull’assist delizioso di Stoppini, il secondo con una fucilata dai trenta metri. C’è anche lo Scandicci però, schierato da Brachi con un 5-3-2 efficace soprattutto nelle ripartenze. Al 21′ Mosca la combina grossa bloccando la palla con le mani sul retropassaggio di Ciccioli; per fortuna del Bastia la punizione a due in area firmata da Del Colle si stampa sulla barriera. Poco prima della mezzora i toscani reclamano per la parata di Mosca, forse al di là della linea bianca. Tutti alzano le braccia, ma Saccenti, dopo uno scambio di sguardi con l’assistente, lascia giocare. Chi mette realmente in difficoltà il Bastia è Daniel Kouko con la sua rapidità e i repentini cambi di direzione.
Come al 35′, quando l’allungo del giovane attaccante ivoriano manda in tilt la difesa di casa: il suo lob sull’uscita in ritardo di Mosca sembra destinato in fondo al sacco se non fosse per il salvataggio provvidenziale di Ciccioli, che proprio sulla linea di porta compie il miracolo in spaccata. L’intervallo regala un pieno di energie a Majella, che ad inizio ripresa si fa subito vedere con un gran numero al limite e una conclusione centrale che non spaventa Berti.
Per l’attaccante classe ’86 la gloria arriva di Il a poco. È lui che al 7′ si procura il calcio di rigore (trattenuta in arca} ed è sempre lui a prendersi il pallone e la responsabilità di calciare dagli undici metri: palla da una parte, portiere dell’altra e corsa sotto i Mad Boys per un feeling che sembra già sbocciato. Il vantaggio del Bastia, però, dura solo cinque minuti. Il pari dello Scandicci è da manuale: Bigeschi ricama da destra, Kouko sale in cielo a centro area e fa secco Mosca con un’incarnata da centravanti vero. Ma è la giornata di Nunzio Majella e alla mezzora il sogno diventa realtà. Corner battuto dal neoentrato Fabris e zuccata vincente dell’attaccante partenopeo, che chiude il match e mette un’altra foto nell’album dei ricordi più belli. Il Bastia ha rotto il ghiaccio e tanto basta, almeno per questa settimana.
Ora si attendono conferme, già a partire da settimana prossima (avversario il fanalino di coda Deruta).
Il Bastia è un cantiere aperto e bisogno lasciare tempo al tempo. Magrini è un lusso per una panchina di serie D e l’organico è di livello, quindi i presupposti per una stagione positiva ci sono tutti. Baccarin tra le linee può crescere e diventare un giocatore fondamentale, così come Palavisini che anche col rientro di Fontanella sarà molto di più di una semplice alternativa. Insomma, il Bastia c’è.

SPOGLIATOI – IL DG AGLINI «QUANDO RIENTRERA’ ANCHE FONTANELLA…»

Il bomber: «Avevo sognato una domenica così»

BASTIA UMBRA — «Ieri notte – confida Nunzio Majella a fine gara – ho fatto un sogno: ho sognato di essere l’uomo decisivo di questa partita e così è stato. Stare lontano dal terreno di gioco nelle prime tre giornate è stato un supplizio per me, che vivo per il campo e per i gol. Veder lottare i miei compagni senza poter farnulla è stato difficile. Fare doppietta all’esordio con una nuova maglia è sempre bello, ma aiutare la squadra a trovare la prima vittoria in campionato dopo un brutto avvio è ancora più gratificante».
E gli obiettivi? «A livello personale — non si nasconde il bomber campano — punto alla vetta della classifica marcatori, ma la priorità è portare il Bastia in alto dove merita». Con i Mad Boys è scoccata subito la scintilla: «Qui a Bastia c’è un pubblico straordinario che ci supporta dal primo minuto al 90′. Per noi è un orgoglio giocare e regalare gioie ad un pubblico cosi’».
«Oggi (ieri, ndr) era importante più che altro il risultato — ammette il dg del Bastia Doriano Aglini — dopo un avvio di stagione non certo esaltante avevamo bisogno dei tre punti. Già a Narri per la verità avevo notato una crescita, pur giocando senza punte. Abbiamo ritrovato Majella e si è subito visto. Quando ritroveremo anche Fontanella, fermo ai box per un problema fisico, Magrini potrà finalmente mettere in pratica il suo gioco». «Peccato — confida Marco Brachi perché dopo il pari di Kouko la squadra era messa bene in campo; paradossalmente abbiamo perso la partita nel nostro momento migliore. Nel primo tempo la squadra non mi è piaciuta molto, eravamo scarichi e il Bastia ha preso anche due legni. Nella ripresa siamo andati molto meglio, avevamo maggiore ordine e idee più chiare. La partita l’ha decisa un grande giocatore contro il quale non avevo mai giocato».
N. FRE.
BASTIA (4-3-1-2): Mosca 6; Pierotti 6, Ciccioli 6,5, Cossu 6, Stoppini 6; De Santis 6 (27’st Arcioni) , Mattia 6 Toma 6; Baccarin 6 (22’st Fabris 6,5); Mojella 7, Palavisini 6 (31′ st De Pasquale sv). A disp.: Mancioli Annibaldi, Bellavita,Marchetti. All.Magrini
SCANDICCI (5-3-2):Berti 6; Mordini 5,5 (12′ St Bini 6), Pezzati 5,5, Salvadori 6, Panelli 6, Baldini 6 (36′ st Chiarella sv); Gianotti 5,5 (10’st J. Kouko 6), Del Colle 6, Ammannati 6; D. Kauka 6,5, Bigeschi 6. A disp.: Mariotti Alderatti Mazzoli, Di Cosimo, Keqi, Della Scala. All. Brachi 6.
ARBITRO: Saccenti di Modena 6.
MARCATORI: 8′ st e 30′ st Majella rig. (B), 13’st D. Kauka (S).
NOTE Ammoniti: Cossu, Baccarin, De Santis, Arcioni (B), Del Colle, Baldini, Salvadori (S).Spettatori: 200 circa.Angoli:3-5.Recupero: 1’pt,3’st.

enbsp;

enbsp;

Lascia un commento