18.9 C
Bastia Umbra
19 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Giornale dell'Umbria

Majella non vuole fermarsi più

BASTIACALCSerie D Il bomber del Bastia: «H tris alla Gm10 mi ha sbloccato. Buon viatico per la stagione»

Obiettivi-«Mettiamo la Coppa nel mirino e il campionato si preannuncia difficile Ma noi stiamo crescendo a vista d’occhio…»

di ROBERTO BARBACCI
BASTIA UMBRA — Adesso che s’è sbloccato per le difese avversarie può cominciare ufficialmente il periodo del “cattivi” pensieri. Nunzio Majella, in fondo, al gol c’è abituato da sempre. Ma quando un attaccante, benché sia estate, fatica a trovare la via del gol, anche ansie e preoccupazioni aumentano a dismisura. «Era una situazione che cominciava a pesarmi — confessa il puntero di stanza a Bastia — va beh che i gol di questi tempi contano quel che contano, ma onestamente speravo in un inizio migliore. Questa tripletta non mi servirà per alcuna classifica marcatori, ma in un certo senso mi tornerà buona come promemoria da qui alle prossime settimane». Settimane che per il Bastia di Magrini culmineranno con la sfida di Coppa del 25 agosto, primo
obiettivo “sensibile” della stagione biancorossa. «Ed è lì che vogliamo farci trovare pronti. Adesso siamo in pieno rodaggio, con un organico nuovo e dalle potenzialità per certi versi ancora sconosciute. Ma abbiamo un allenatore che non necessita di alcuna presentazione e molti giocatori che in un contesto come questo possono dire e dare molto. Però alla fine, come sempre, sarà il campo a dare le risposte che contano davvero, E noi dovremo farci trovare pronti al momento opportuno».
CONTINUITÀ CERCASI La tripletta rifilata alla GM ’10 ha confermato quel feeling col gol che Majella porta in dote con sé a Bastia. Ma cosa gli ha chiesto Magrini in queste prime tre settimane di lavoro? «Quello che ha chiesto ai compagni, cioè di lavorare con impegno e dedizione. Sono convinto che il nostro sia un organico dalle potenzialità importanti, ma senza un’adeguata preparazione non si va da nessuna parte, lo stesso ero preoccupato quando vedevo che giocavo, giocavo ma non segnavo. Ora sto un po’ più tranquillo, anche perché so quanto conta per un centravanti trovare una determinata continuità di rendimento. M’era successo a Pierantonio, dove segnai per più di una decina di partite di fila, e in quel momento mi sentivo davvero in stato di grazia». L’accoppiata con Fontanella, autore a sua volta di una doppietta nel test di domenica scorsa, comincia progressivamente a decollare. «L’affineremo col tempo, ma quel che conta è che tutta la squadra stia crescendo di partita in partita. Anche perché ci vorrà il miglior Bastia, quest’anno, per raggiungere gli obiettivi prefissati».
GIRONE PIU DURO — Quando parla di obiettivi Majella sa bene che la salvezza è l’unico chiodo fisso di stanza a Bastia. «Ma la verità è che con questo girone c’è poco da scherzare» , ribatte prontamente il bomber. E il motivo è presto detto: «Credo sia opinione comune affermare che la qualità tecnica del girone sia notevolmente aumentata rispetto alle ultime stagioni, E per questo motivo dico che ci sarà da raddoppiare gli sforzi. La qualità degli avversari è notevole e ogni errore, come logica vuole, verrà pagato a caro prezzo. Però sappiamo di avere i mezzi per tirarci fuori dai guai e quindi non dovremo accampare alcuna scusa. Semplicemente dovremo partire bene, evitando di dover rincorrere da subito un piazzamento che potrebbe rivelarsi altrimenti più complicato». I gol di Nunzio, pe. rò, potrebbero contribuire da subito a scacciare i fantasmi e “cattivi pensieri”. «lo penso sempre al bene della squadra, ma so bene che sarà importante partire col piede giusto. Fino al test con la GM 10 ero un po’ giù di corda, adesso penso decisamente in maniera più positiva. E sono sicuro che tutta la squadra, come me, potrà crescere in fretta».

Lascia un commento