9.1 C
Bastia Umbra
7 Dicembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Economia

Aumento delle tariffe del trasporto pubblico su gomma a partire dal prossimo settembre

Antonio Lunghi
Vice Sindaco di Assisi

Sono apparsi in questi giorni suoi giornali alcuni articoli sugli aumenti delle tariffe del servizio pubblico su gomma e che riportavano che dai primi di settembre i biglietti delle corse sarebbe aumentati da 1 euro ad 1,3 euro.
Il Comune  di Assisi gestisce il servizio di trasporto pubblico su gomma sulla base di un contratto stipulato con  I.S.H.T.A.R.  S.C. a R.L nel 2005  a seguito di gara pubblica; l’area su cui insiste il servizio coincide con il territorio della Provincia ed i soggetti coinvolti sono oltre la Provincia i Comuni di: Perugia, Corciano, Marsciano, Todi, Castiglione del Lago, Città di Castello, Umbertide, Gubbio, Gualdo Tadino, Magione, Passignano, Deruta.
Il contratto, che stabilito detto aumento del servizio, avrà breve durata in quanto la Regione, Ente competente in materia, sta predisponendo gli atti necessari al nuovo bando che riguarderà il trasporto pubblico di tutta la Regione.
Nelle more di predisposizione degli atti la Regione ha emanato la L.R.   l’art.  27  della 8/2013 con la quale ha normato le condizioni per la continuità del servizio pubblico fino alla nuova gara, prevedendo da una lato la razionalizzazione dei servizi con relativi tagli a servizi inutili, condizione tra l’altro posta dalla Legge Finanziaria 228/2012 per accedere ai finanziamenti statali , dall’altro un adeguamento dei corrispettivi sottoforma di incrementi tariffari stante l’aumento sostanziale della inflazione del settore trasporti.
La decisione impopolare di aumentare le tariffe  non aveva che 2 alternative:
•    l’ulteriore taglio dei chilometri previsti dal contratto con conseguente riduzione dei servizi a livelli inaccettabile per i cittadini;
•    il pagamento di compensazioni tratte dal bilancio comunale.
Quest’ultima ipotesi, oltre che essere improponibile per le disponibilità del Comune di Assisi, non è praticabile in quanto la prossima pubblicazione della gara unica regionale prevede un unico sistema tariffario per tutti i cittadini della regione.
In ordine agli articoli di giornale usciti in questi giorni in merito agli abbonamenti scolastici è opportuno chiarire che il Comune di Assisi ha competenze solo sulla rete urbana, ovvero sulle linee a) e b) del centro storico e sulla c) che collega assisi con Santa Maria Degli Angeli, mentre gli abbonamenti scolastici riguardano prevalentemente le linee extraurbane gestite dalla Provincia di Perugia.
Certamente il tema del trasporto pubblico è un problema politico di come, in questi anni, il servizio è stato svolto non tenedo conto di criteri di economicità e razionalizzazione della società gestrice. Gli Enti locali sono contemporaneamente committenti e gestori creando tutto un sistema ambiguo ove le responsabilità vengono annacquate da una serie infinita di compromessi.
Il trasporto pubblico locale, la gestione del sistema idrico integragrato, la gestione del ciclo dei rifiuti sono tutti temi ove è necessario perseguire una razionalizzazione dei servizi che parte da una gestione efficente degli stessi, condizione necessaria per tenere le tariffe le più contenute possibili ma tenga conto anche di un miglioramento della qualità degli stessi.
Per migliorare occorre comunque investire ingenti risorse che trova un ostacolo insormontabile dal principio cche le tariffe devono coprire integralmente i costi dei servizi.

 

25/08/2013

Tonino Lunghi

Vice Sindaco di Assisi

Lascia un commento