29.1 C
Bastia Umbra
12 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra

Vannio Brozzi risponde ad Armando Lillocci sulla scuola di XXV Aprile

Vannio Brozzi

Per la storia tale soluzione, allora, fu salutata positivamente dal mondo scolastico che vedeva crescere l’occupazione in termini di insegnanti e di personale ausiliario e di classi con i soli ragazzi del quartiere di XXV aprile. Giudicare oggi la scelta fatta 30 anni fa è fuorviante e inopportuno. Oggi concordo con te la urgenza e necessità di costruire un edificio scolastico per i quartieri di XXV Aprile e Santa Lucia e di utilizzare questa opportunità per realizzare un presidio scolastico che tenga conto delle evoluzioni organizzative e didattiche della scuola stessa.

Concordo con te che ci sono dei ritardi sicuramente ascrivibili alle Giunte di Centro sinistra, ma visto che questa è un’emergenza, come da te segnalato nell’incontro del 1998: mi chiedo: “ma la giunta del sindaco ANSIDERI CHE SI STA AVVIANDO ALLA SCADENZA DEL SUO MANDATO, CHE COSA HA FATTO PER RISOLVERE QUESTO PROBLEMA?” Ad oggi niente! Anzi leggiamo in un comunicato stampa dell’Assessore nominato Fortebracci che sì, si farà la scuola a XXV Aprile: ed è qui il punto in cui tu non dici niente! Perché la nuova scuola deve essere progettata talmente grande da chiudere il presidio scolastico di Madonna di Campagna e di Bastiola? E qui ancora, caro Presidente, Le sembra giusto e opportuno che una decisione talmente grande e impattante sul piano socio economico dell’intero territorio nonché sul piano pedagico e didattico venga presa “alla chetichella” senza un dibattito approfondito nella città e senza il coinvolgimento non solo degli organi scolastici, ma almeno dell’intero consiglio comunale? E poi, ho letto attentamente i programmi elettorali delle forze politiche e dell’attuale Sindaco Ansideri: da nessuna parte trovo scritto della chiusura delle scuole di Cipresso e Bastiola. Ho scorso alcuni minuti fa la presentazione del programma di mandato del Sindaco nella relativa delibera del consiglio comunale del 2009 e non trovo traccia di chiusura di plessi scolastici nelle frazioni. E allora: perché senza coinvolgere il Consiglio da lei presieduto si procede ad un progetto così significativo?

Caro Armando, io non sono minimamente interessato personalmente alla competizione elettorale prossima ventura, ma sono animato dal discutere e proporre le soluzioni migliori ed equilibrate per l’intero territorio: e questo, se mi consenti, lo farò sempre sinché la ragione e il fisico me lo consentirà. Chiudo con una certezza: la scelta di chiudere un presidio scolastico è una scelta fuori tempo, fuori luogo e sbagliata; seppure questa dovesse risultare in minoranza nell’attuale dibattito odierno.

01/07/2013

Vannio Brozzi

Lascia un commento