6.8 C
Bastia Umbra
30 Novembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

Sindaco Ricci: “se funziona Assisi arriveranno più opportunità per tutti”

In questi giorni, cita il Sindaco di Assisi Claudio Ricci, molti cittadini “auspicano che il Santo Padre visiti l’Ospedale di Assisi” (unitamente agli altri luoghi della carità condivisa a partire dall’Istituto Serafico).
Ovviamente la visita papale, nel giorno di San Francesco Patrono d’Italia (il 4 ottobre), risponderà a indicazioni “spirituali e organizzative” che la Santa Sede, unitamente al Vescovo di Assisi Mons. Domenico Sorrentino, saprà definire al meglio (il Comune di Assisi, come prassi e tradizione, si metterà al servizio degli aspetti logistico, organizzativi e di supporto alla sicurezza unitamente alle altre istituzioni e forze dell’ordine).

Il pensiero va, comunque, al “punto nascita di Assisi” (che, da anni, aspetta un rilancio con un primario che sappia fidelizzare le partorienti e adeguati servizi) dove venivano a nascere da tutta l’Umbria anche per avere bambini con il nome di Francesco nato ad Assisi e Chiara nata ad Assisi (aspetti culturali, e di identità, comunque importanti anche in un società che misura in prevalenza l’efficienza e la quantità).
L’ospedale di Assisi, in una città Santuario dove arrivano oltre sei milioni di turisti all’anno (e un comprensorio con 70.000 residenti), deve includere “ottimi servizi di base” con “aree di micro specializzazione” utili alla rete sanitaria regionale (prevedendo anche la riqualificazione della struttura edilizia, il prossimo intervento di miglioramento del parcheggio e delle aree limitrofe, nonché del distretto sanitario di Santa Maria degli Angeli).
Il giorno della visita papale arriveranno ad Assisi tante personalità, di ogni livello istituzionale, e saranno tutte accolte nel miglior modo possibile come “giusto e doveroso”.
Speriamo che, finita la visita papale e “spenti i riflettori”, non si dimentichino (le autorità) dell’ospedale di Assisi, del corso di laurea in economia del turismo e (anche) della frana Ivancich (da anni si attende una risposta).
Assisi deve, doverosamente, mettersi al servizio di altri luoghi, della Regione e dell’Italia ma occorre destinare alla Serafica città le attenzioni dovute: se funziona Assisi (una dei luoghi più noti al Mondo), arriveranno più opportunità per tutti.

19/06/2013

UFFICIO STAMPA Comune di Assisi

Lascia un commento