21.1 C
Bastia Umbra
19 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

La diocesi di Assisi domani in piazza san Pietro, all’udienza generale di papa Francesco

Con Francesco dal “signor papa” Francesco

La diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino, domani, 12 giugno 2013, sarà presente in piazza san Pietro, all’udienza generale di papa Francesco, per incontrare il successore di Pietro, in attesa di accoglierlo con gioia, simpatia e filiale rispetto nella città serafica.

I pellegrini iscritti sono oltre 2400, distribuiti su 48 pullman, due/tre pulmini ed alcune auto private.

Guida il pellegrinaggio il vescovo diocesano mons. Domenico Sorrentino.

Presenti, insieme al vicario generale mons. Maurizio ed una folta rappresentanza del presbiterio diocesano, sono partiti alla volta di piazza san Pietro, anche il primo cittadino della città serafica, ing. Claudio Ricci e alcuni sindaci dei comuni nel cui territorio è distribuita la diocesi.

Presenti, inoltre, 36 ragazzi ospiti dell’Istituto Serafico (Centro specializzato nella riabilitazione, educazione e inserimento sociale di persone con grave disabilità plurima di tipologia sensoriale fisica e mentale ed espressione visibile dell’attenzione agli ultimi della Chiesa ) con i rispettivi accompagnatori, il personale medico ed infermieristico e la presidente, avv. Francesca di Maolo.

Dopo l’udienza,  e dopo il pranzo, consumato al sacco, in vari luoghi della città eterna, i “pellegrini” si ritroveranno presso il santuario della Madonna del divino amore, per la concelebrazione dell’eucaristia, presieduta da mons. Sorrentino.

Con lo stesso atteggiamento di san Francesco, che si rivolgeva al successore di Pietro, col titolo di “Signor Papa”, la comunità diocesana, in tutte le sue componenti, si presenta a papa Francesco che, come scrive mons. Sorrentino sul numero di giugno del bollettino diocesano, già da subito, ma ancor più quando sarà fra noi in Assisi, «ci aiuterà a metterci convintamente sulle orme del Poverello», per l’unico approdo: «Gesù, sempre più conosciuto, amato, testimoniato».

Assisi 11.06.2013

P. Giovanni Raia

Lascia un commento