18.9 C
Bastia Umbra
19 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Il Bastia torna in campo con tanti volti nuovi Dall’Avellino Minelli, poi Lattarulo e Arcioni

acbastiaBevilacqua e Porricelli finiscono al Foligno con Chinea, discorso aperto con Cossu dell’Ancona. Ecco Annibaldi
BASTIA UMBRA Saranno tanti i volti nuovi fra i giocatori del Bastia che domenica alle 9, inizierà la preparazione con Lamberto Magrini sul campo del Costano. Nei giorni scorsi infatti, l’abile diggì Doriano Aglini con il dimissionario Alessandro Degli Esposti, ha effettuato grandi spese e nessuna “pazza”.L’esperto difensore Luca Pierotti, sarà affiancato da un giovane ma collaudato Luca Minelli (‘93), ex Deruta la scorsa stagione giocata con l’Avellino. Dalla Ternana, arrivano l’esterno Niko Mencarino (‘94) e il centrocampista Alessio Monesi (‘94) capitano della formazione allenata da Alberto Favilla. Sempre dalla società rossoverde, è stato prelevato il difensore Marco Annibaldi (‘93) alle dipendenze nella passata stagione dello Sporting Terni. Aglini inoltre, ha concluso altre tre operazioni con il Gubbio,società che manderà a fare esperienza a Bastia il portiere Matteo Mincioli (‘95) e due centrocampisti Luca Baldinelli (‘94) e Gabriele Lupi (‘95). Dalla Juve Stabia, arriva invece con ottime referenze il portiere Vincenzo Mosca (‘95) che vanta alcuni gettoni di presenza nel torneo cadetto di serie B. Intanto per l’attacco è viene seguito Arcioni. Ufficiale l’accordo col centrocampista ex Sporting, Flavio Mattia e da ieri è ufficiale il passaggio di Gabriele Bevilacqua e GianLuca Porricelli al Foligno. Discorso aperto con Riccardo Cossu dell’Ancona e mai aperto invece, nonostante le tante voci di mercato con gli ex viterbesi, Jbojo e Pero Nullo e con l’attaccante Nunzio Majella, considerati a ragione da Aglini “fuori portata”. Aspettano una chiamata il difensore Mattias Pacciarini e l’esterno Guido Galli che ha ricevuto proposte oltre che dal Termoli di Trillini anche da Castelfidardo e Grottamare.

Leonello Carloni

Lascia un commento