24.9 C
Bastia Umbra
9 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Il Bastia di Magrini è già in forma

Il calcio d’estate/1 Nel primo tempo il tecnico schiera il 4-3-1-2 con Majella e Pelliccia nel reparto offensivo
Buona prova dei biancorossi contro la Juve Stabia che alla fine vince 6-0

CASCIA E’ un Bastia già convincente quello che scende in campo a Cascia contro la Juve Stabia. Nonostante il gran caldo e la formazione rinnovata per 9/11 rispetto alla scorsa stagione, è davvero ottima l’impressione che desta la compagine guidata da Lamberto Magrini. Di fronte una squadra di serie B e quindi il 6-0 finale non fa testo, anche perchè specie nella prima frazione di gioco, i biancorossi hanno concesso ben poco ai quotati avversari in campo col canonico 4-3-3,con un Di Carmine già informa campionato ed autore di una tripletta. Il 4-3-1-2 formato Magrini, prevedeva nella prima parte di gara Mosca in porta,Annibaldi,Cossu, Pierotti, Stoppini,in difesa, Fabris, Marchetti, Arcioni e Mattia a completare il
centrocampo, Majella ed il giovanissimo Pelliccia in avanti. Nota particolare per quest’ultimo capace anche di sfiorare la segnatura, prima che al 35’fosse Di Carmine a sbloccare il risultato per l’1-0 in favore delle Vespe. Il raddoppio di Djiby proprio al 45’ non sposta i giudizi sul comportamento molto positivo dei biancorossi,chedunque vanno al riposo con il doppio svantaggio. Nella ripresa spazio a molti ragazzi ed al nuovo arrivato Fontanella, anche lui protagonista di una buona prova complessiva.Questi gli undici schierati dal mister ex Grosseto nei secondi 45’:Mancioli,Mammoli, Marioli, Ciccioli, Ferranti, Sgambato, Baldinelli,Bellavita, Di Pietro, Peluso e come detto Fontanella. Adesso l’appuntamento è per domani, quando al Comunale di Costano, il Bastia affronterà il Gubbio. E se il buon giorno si vede dal mattino, il tecnico Magrini può dormire sonni tranquilli in vista della prossima stagione dopo quanto fatto vedere dai suoi contro una squadra di un altro pianeta.
Fabio Marracci

Lascia un commento