14.9 C
Bastia Umbra
28 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Giornale dell'Umbria

A Bastia Umbra bionda, rossa o scura?

Domani la notte della birra artigianale con musica e divertimento in compagnia di Mauro Casciari de “Le Iene”
Bastia Umbra-Nuovo appuntamento a Umbriafiere di Bastia Umbra, nuovo Incontro con la “bionda” più amata d’Italia, la birra.

Domani e domenica, infatti, i padiglioni espositivi ospiteranno “Birra show”, il villaggio del gusto, della birra artigianale e di qualità.
Ecco il programma del fine settimana a Bastia Umbra.
DOMANI
Ore 16 – Inaugurazione, apertura degli stand espositivi e del villaggio del gusto.
Ore 16,30 – Degustazione a cura dello chef del ristorante “Premiata officina del gusto” di Foligno.
Ore 17,30 – Saluto autorità e convegno “Il bere responsabile”. Interverranno i rappresentanti di Regione, Provincia di Perugia, Confagricoltura, Coldiretti, Cobi, Cia e della zziende umbre. Coordinatore dei lavori: Cerb. Conduce: Mauro Casciari della famosa trasmissione televisia “Le Iene”.
Ore 18 – Laboratorio di degustazione “formaggi abbinati alla birra artigianale”. Degustazioni a cura dei mastri birrai umbri, raccontate da Vitaliano Gaggi.Ore 19 – Degustazione dei prodotti del birrificio San Biagio a cura del mastro birraio Giovanni Ridolfi.
Inizio aperitivo con diretta su Radio su Max Radio Energy e Max Radio Classic.
Ore 22 – Apertura della “Notte bionda della birra artigianale”: musica e divertimento in compa
gnia di Mauro Casciari de “Le Iene”.
DOMENICA
Ore 12 – Apertura degli stand espositivi e del villaggio del gusto.
Torneo di freccette a cura di Fidar.
Ore 13 – Laboratorio di degustazione della birra artigianale a cura dell’associazione “Il bello della birra”.
Ore 15 – Laboratorio di degustazione della birra artigianale a cura della Mastriforti catering Perugia.
Ore 16 – Degustazione della birra San Biagio con “La crescerà” di Foligno.
Ore 17 – “Homebrewing, un hobby, una passione”. Incontro tra birrificatori casalinghi con la partecipazione di Birrafacile.it. Chi porterà la propria birra avrà diritto ad un biglietto con degustazione omaggio. Info su www.umbriabirra.org.
Ore 17 – Degustazione a cura dello chef del ristorante “Premiata officina del gusto” di Foligno.
Ore 17,30 –
Degustazione com il birrificio Magalotti di Terni.
Ore 18 – La chef Irene Copolutti del “Borgo della Marmotta” propone la degustazione di biscottini alla birra e crema alla nocciola con gelatina di birra.
Ore 19 – Aperitivo in compagnia dello staff di “Country Cafè” di Bastia Umbra. Terzo tempo con la Federazione Italiana Rugby e tutte le squadre del Rugby Umbria.
COSTI ED ORARI
Domani gli stand della manifestazione saranno aperti dalle 16. Poi dalle 22 prenderà il via la “Notte bionda della birra artigianale e del gusto”. Domenica apertura alle 12.
di VERONICA ACQUISTA

CURIOSITÀ
Una bevanda conosciuta dai Sumeri
BASTIA UMBRA – La birra è una delle bevande più antiche prodotte dall’uomo, registrata nella storia scritta dell’antico Egitto e della Mesopotamia. Si hanno testimonianze di produzione della birra presso i Sumeri. Proprio in Mesopotamia, inoltre, sembra che sia nata la professione vera e propria del birraio ed alcune testimonianze riportano che parte della retribuzione dei lavoratori veniva corrisposta in birra. Erano due le principali tipologie prodotte ai tempi: una birra d’orzo chiamata “sikaru” (pane liquido) ed un’altra di farro detta “kurunnu”. La più antica legge che regolamenta la produzione e la vendita di birra è, senza alcun dubbio, il Codice di Hammurabi (1728-1686 a.C.) che condannava a morte chi non rispettava i criteri di fabbricazione indicati e chi apriva un locale di vendita senza autorizzazione. Nella cultura mesopotamica la birra aveva anche un significato religioso: veniva infatti bevuta durante i funerali per celebrare il defunto e come offerta alle divinità. Si parla di birra anche nella Bibbia e negli altri libri sacri del popolo ebraico come il Talmud; nel Deuteronomio si racconta che durante la festa degli Azzimi si mangiava per sette giorni il pane senza lievito e si beveva birra. I veri artefici della diffusione della birra in Europa furono gli abitanti delle tribù germaniche e celtiche. Questi ultimi si stanziarono in Gallia e in Britannia dove esiste una leggenda secondo la quale gli irlandesi discendono da un popolo di semidei chiamati Fomoriani che avevano la potenza e l’immortalità grazie al segreto della fabbricazione della birra.

Lascia un commento