12.4 C
Bastia Umbra
8 Dicembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

ASSISI – IN COMUNE UNA DELEGAZIONE DI 18 SINDACI ISRAELIANI.

Una delegazione di 18 sindaci israeliani è stata ricevuta dal sindaco Stefania Proietti e dal vice sindaco Valter Stoppini nella Sala della Conciliazione.

E’ stata l’occasione per rinsaldare il rapporto di amicizia tra Assisi e Israele, già accomunati da un’identità legata all’enorme valore spirituale delle due terre.

Durante l’incontro si è parlato delle sfide che attendono il turismo religioso dopo i due anni di pandemia che hanno bloccato gli spostamenti tra le nazioni. Dopo la proiezione di un video sulla grande bellezza di Assisi, realizzato dal Museo della Memoria, il sindaco Proietti si è soffermato sulla relazione che unisce i due paesi e soprattutto sulle prospettive che si possono concretizzare dal punto di vista dell’interscambio turistico e religioso.

La delegazione, presieduta dal rappresentante dell’associazione dei comuni israeliana, ha mostrato interesse agli scambi con la città di Assisi finalizzati a potenziare i flussi di pellegrini e i collegamenti turistici , con particolare riferimento alle possibilità offerte dall’aeroporto San Francesco d’Assisi e rivolte al turismo oltreoceano.

 

La delegazione si è molto interessata alle dichiarazioni del sindaco che ha ricordato le vicende degli ebrei salvati ad Assisi raccontate nel Museo della Memoria, per cui la Città è stata insignita della medaglia al merito civile, e ha sottolineato l’importanza e il ruolo di Assisi, città che trasmette i valori di pace e fraternità in tutto il mondo: Assisi è gemellata con Betlemme da 33 anni ma è da sempre attenta alla storia e alle vicende che riguardano Israele e soprattutto attiva nel dialogo per la pace. Il sindaco Proietti ha ricordato a tal proposito l’appello, firmato insieme al vescovo Sorrentino e ai custodi delle due Basiliche Papali Moroni e Travascio e indirizzato alle Nazioni Unite e alle Autorità di Israele e Palestina, per invocare -nei momenti di tensione a maggio 2021 – la pace in Terra Santa e la fraternità di tutti i suoi popoli, al di là di ogni distinzione di religione e cultura.

I sindaci israeliani, favorevolmente impressionati dalla città di Assisi e dall’Umbria, hanno garantito di volersi mantenere in contatto per promuovere flussi turistici e di pellegrini verso la terra di San Francesco con particolare attenzione alla destagionalizzazione. All’incontro era presente anche Vincenzo Di Santi, presidente Confcommercio Assisi, che ha ricordato l’importanza delle città santuario e le peculiarità caratteristiche di questa tipologia di turismo.

 

 

Ufficio stampa

Città di ASSISI

Anna Mossuto

Lascia un commento