20.7 C
Bastia Umbra
27 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

GIORNATA NAZIONALE DEL SOLLIEVO L’ASSESSORE PAGGI: “SEMPRE DALLA PARTE DEI PIU’ DEBOLI E DEI SOFFERENTI”.

Domenica 29 maggio 2022 si celebrerà la XXI Giornata Nazionale del Sollievo. Anche l’amministrazione comunale di Assisi aderirà a questo evento che ha lo scopo di promuovere iniziative di sensibilizzazione e solidarietà per tutti i malati e i sofferenti, soprattutto per chi è nella fase terminale della vita e non può giovarsi di cure destinate alla guarigione.
Insieme all’Ufficio pastorale e alle associazioni di volontariato, l’amministrazione comunale ha organizzato un convegno dedicato alla Giornata del Sollievo dal titolo “Alla sera della vita: essere accanto con professionalità e umanità nel percorso di cure palliative” che si terrà nella Sala Biblioteca Francescana di Chiesa Nuova.
“Va ricordato che Assisi è stato il primo Comune umbro a ottenere il riconoscimento di Città del Sollievo – ha sottolineato l’assessore ai servizi socio-sanitari Massimo Paggi – e questo ci riempie di orgoglio perchè conferma la vocazione della nostra comunità ad essere accogliente, inclusiva, attenta ai più deboli, ai sofferenti, ai malati in fase terminale. Questo  riconoscimento è il frutto di una collaborazione convinta e sentita tra le associazioni di volontariato del territorio che, insieme alle istituzioni, mettono al centro i malati e il loro diritto a una fine dignitosa non solo nel corpo ma anche nello spirito. In quest’ottica, istituzioni e mondo dell’associazionismo insieme nell’organizzare iniziative e manifestazioni che vanno nella direzione di una piena e concreta solidarietà verso l’altro, verso chi si trova in una condizione di sofferenza”.
“E’ opportuno – continua l’assessore Paggi – in questo momento ricordare, dopo due anni di pandemia che hanno messo a dura prova tutti, l’impegno profuso da tutti gli operatori sanitari  che ogni giorno con energia e abnegazione testimoniano la vicinanza alla persona sofferente, senza mai dimentica che la centralità e la dignità sono cardini della “cultura del sollievo”.

 

19/05/2022

 

Lascia un commento