20.7 C
Bastia Umbra
27 Settembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra Politica

Le nostre considerazioni sul consiglio comunale del 14 marzo.

Tra le delibere ed i temi affrontati lunedì sera sono stati discussi 3 nostri ordini del giorno: il primo impegnava Sindaco e Giunta, in occasione della giornata nazionale dei disturbi alimentari che si celebra ogni anno il 15 marzo, ad illuminare di colore lilla la Rocca inoltre, chiedeva all’amministrazione di continuare a sostenere con incontri, attività informative il supporto alle famiglie ed ai tanti giovani​ che soffrono di malattie DCA esacerbate dalla pandemia.​

Abbiamo ascoltato l’assessore Brunelli elencare con dovizia intenzioni ed azioni compiute dal Comune che ha illuminato non solo la Rocca, ma anche il monumento a Colomba Antonietti in municipio.

Tuttavia, il nostro ordine del giorno è stato respinto.

Sul tema del CAROBOLLETTE il Sindaco Lungarotti in concerto con altri consiglieri di maggioranza si sono limitati unicamente ad attaccare la speculazione ed il governo per il mancato sostegno alle famiglie ed alle imprese.

È necessario sottolineare che il 30 dicembre 2020, INVANO avevamo proposto al comune di creare le Comunità Energetiche, di investire nella transizione energetica​ diventando produttore​ e consumatore di elettricità, creando uno sportello informativo per famiglie ed imprese per mettere insieme aziende di distribuzione, cittadini, mondo produttivo e Istituzioni e produrre energia da condividere o mettere in rete.​

È un sistema per aiutare chi è in difficoltà​ rispettando l’ambiente.​

Bastia Umbra sarebbe stata tra i primissimi comuni in Italia ad essere lungimiranti sul previsto aumento dei costi energetici mettendo in pratica norme europee.

 

Abbiamo detto che LE RINNOVABILI IN 3 ANNI POSSONO SOSTITUIRE IL 20% DELLE IMPORTAZIONI DI GAS e che con​ 187 MLN DEL​ BANDO DEL FONDO Kyoto PER I COMUNI ​ ci sono agevolazioni​ destinate all’efficientamento energetico ed al risparmio idrico degli edifici scolastici, delle strutture sanitarie e degli impianti sportivi di proprietà pubblica.

Ignorando le battutine di derisione rispetto al mio rammarico​ per il fatto che Giuseppe Conte non è più​ alla guida del nostro paese, è bene ricordare invece che il Recovery fund è stato concepito quando lui era Presidente del Consiglio​ ed il 28 febbraio​ è arrivato il via libera della Commissione europea alla prima rata di finanziamenti per l’Italia da 21 miliardi di euro.​

Motivo per cui col nostro terzo ordine del giorno abbiamo fatto presente all’amministrazione che attraverso​ Cassa Depositi e Prestiti le Amministrazioni interessate ai fondi istituiti con il PNRR possono sfruttare tutte le opportunità grazie a consulenze tecniche in ogni fase: dalla programmazione alla definizione, dall’attuazione fino al monitoraggio e alla valutazione dei progetti.​

Anche qui i commenti sono stati quelli di sempre: l’amministrazione comunale di Bastia non ha bisogno dei suggerimenti del Movimento 5 Stelle, mentre la nostra sollecitazione è servita eccome!

 

Visto che non era ancora noto a tutti, lunedì sera il Sindaco ha illustrato a tutto il consiglio e a coloro che lo stavano seguendo via streaming, le azioni messe in campo per il PNRR.​

È tempo di pianificare. Il passato non si cambia, il futuro dipende da noi.

 

19/03/2022

Movimento 5 Stelle Bastia Umbra

Lascia un commento