11 C
Bastia Umbra
1 Febbraio 2023
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Cultura

Riapre il Museo delle Arti e dei Mestieri dell’Umbria: la visita del sindaco Proietti

UN VIAGGIO DI EMOZIONI NELLA STORIA, NELLE TRADIZIONI E NELLA CULTURA

Il Museo delle Arti e dei Mestieri dell’Umbria, dal lontano 1989, custodisce oltre 2mila attrezzi e manufatti rinvenuti in botteghe artigianali e casolari agricoli. E ogni giorno, ogni mese aumenta questa “dote” di vecchi oggetti che rappresentano la storia di questa regione; altri 1000 oggetti sono in procinto di essere sistemati e quindi visibili al pubblico. Voluto e curato fin nei minimi particolari da Davide Costantini, è ubicato dentro il complesso monumentale Santa Chiarella, di fronte a Porta Nuova, in pieno centro storico.

Dopo il periodo di chiusura legato alla pandemia, oggi ha riaperto i battenti mettendo a disposizione della cittadinanza, degli umbri e dei turisti un vero e proprio “scrigno” di sapere.

Il sindaco Stefania Proietti ha visitato quelle stanze che raccontano le nostre radici e ammirato gli strumenti utilizzati in passato per i diversi mestieri, quelli del barbiere, del muratore, dello stagnino, del fabbro, del bottaio, del calzolaio e via dicendo, ma anche attrezzi per la pesatura dei prodotti agricoli, la coltivazione dei campi, la filatura e la tessitura.

“Questo luogo è un patrimonio importante della nostra città – ha commentato il sindaco -, qui è custodita la storia del nostro passato, delle nostre tradizioni, della nostra cultura. Visitare il Museo delle Arti e dei Mestieri è un viaggio emozionante nel tempo attraverso gli oggetti di quel lavoro che esalta la capacità dell’uomo e lo nobilita restituendogli dignità e crescita. In queste palazzo si respira e si vede la bellezza grazie all’esposizione di magnifici strumenti antichi e si constata la funzione culturale e sociale perchè l’ingresso è libero come dice il presidente Costantini “la cultura è di tutti” e perchè tante scuole portano i loro studenti a conoscere da vicino il mondo che fu”.

Alla visita era presente anche Leonardo Cenci, appena stato nominato console onorario della Repubblica Croata per l’Umbria.

 

Ufficio stampa Comune di Assisi

Lascia un commento