24.9 C
Bastia Umbra
29 Giugno 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Associazioni Bastia Umbra

A Bastia Umbria Comune e Associazioni insieme per dire basta alla violenza.

Il 25 novembre, una giornata contro femminicidi e violenza che ogni anno, dal 1999, si celebra per ricordare le vittime ma anche e soprattutto per trasformare l’impegno della società civile e delle istituzioni in servizi quotidiani di aiuto alle donne che subiscono violenza e in processi politici, culturali ed educativi sulla parità di genere.
I numeri ancora una volta testimoniano la necessità di un impegno costante: 114 le donne uccise in Italia nel 2017 fino ad oggi, il  44,6% delle donne aveva denunciato la violenza; il 92% degli assassini sono italiani (fonte Eures).Donne di tutte le età ed estrazione sociale, donne uccise da uomini con cui, nella quasi totalità dei casi, avevano rapporti familiari, sentimentali o sessuali.
Il femminicidio come tragico estremo di una violenza che si perpetua per mesi, anni, decenni dentro le mura domestiche. Violenze verbali, fisiche, psicologiche, sessuali che costellano la vita femminile e che riguardano milioni di donne ogni giorno.
Il Comune di Bastia Umbra ha deciso quest’anno di aderire al progetto “La Panchina Rossa” lanciato dagli Stati Generali delle Donne come simbolo e monito contro la violenza.
Una panchina rossa sarà posizionata nei giardini della Rocca Baglionesca di Bastia, in via della Rocca, un simbolo tangibile e perenne che rimarrà ogni giorno a ricordare l’importanza della difesa dei diritti delle donne.
Sarà un piccolo ma significativo “monumento civile” sul quale sarà possibile trovare i numeri di telefono antiviolenza e antistalking nazionali, regionali e locali che è possibile chiamare in qualsiasi momento.
L’inaugurazione si svolgerà sabato 25 novembre alle ore 16.
 
24/11/2017
Silvana Lavelli

Lascia un commento