23.5 C
Bastia Umbra
25 Giugno 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi Cultura

In occasione della festività di S.Chiara, una riflessione sull'iconografia clariana nella penisola iberica.

Bondorff Sibylla de Bondorff, S. Chiara di Assisi bacia il piede di una monaca

In occasione della festività di S.Chiara, solennemente celebrata secondo il calendario liturgico, in Assisi l’11 agosto, si è rinnovata nella Seraphica Civitas l’intensa devozione che da secoli circonda questa figura importante della santità femminile. Nei giorni antecedenti la ricorrenza un fortuito incontro con il concittadino generale Massimo Iacopi, inesausto cacciatore di notizie ed immagini storiche legate alla “nostra” Assisi, mi ha permesso di conoscere attraverso reperti artistici di rara bellezza la diffusione del culto clariano nella penisola iberica giunto a noi intatto attraverso i secoli. Ne ho scelto alcuni dal monumentale archivio del mio informatore per proporle ai lettori in segno di condivisa venerazione. La prima è stata scoperta in Portogallo dove il municipio di Guimaraes (la più antica capitale dello stato) ha sede in un edificio che in passato ha ospitato un Convento di Clarisse. Segue la cattedrale di Malaga dove a Santa Chiara è stato dedicato un intero altare, come avviene raramente nelle chiese del mondo.
Santa Chiara, legno policromo e dorato, attribuita a Alejo de Vahia (1475-1515), 88 cm., Spagna, fine 15° secolo

Dallo scultore gotico Alejo de Vahia (1475-1515), attivo tra Valladolid e Valencia,  ci viene tramandata una immagine della santa di Assisi molto suggestiva in legno policromo dorato mentre il miracoloso evento del salvataggio di Assisi dai feroci mercenari saraceni di Vitale di Aversa (Fonti Francescane 3203) viene documentato con il prorompente cromatismo della pittura barocca da un quadro di Juan de Valdès Leal (1622 – 1690) conservato nel Museo di Siviglia. Aggiungo, pur consapevole dello sconfinamento geografico, una rara miniatura della suora tedesca Sibylle von Bondorff  (XV sec.) che ritrae Santa Chiara intenta alla lavanda rituale dei piedi di una consorella. Questa sommaria rassegna conferma la diffusione nel mondo delle Clarisse che pregano per tutti in 562 Monasteri che, secondo i dati dell’Annuario Pontificio, ospitano 7600 religiose pari a circa l’11% del totale delle suore censite nei vari ordini femminili.
Municipio di guimaraes, S. clara(4)

Pio de Giuli
08/08/2017
Pio de Giuli
 
Valdes Leal, Volo dei Saraceni dalle mura di Assisi, Museo belle Arti, Sevilla_2

Lascia un commento