20.9 C
Bastia Umbra
19 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra Politica

Tutela degli adolescenti: presentate un'interrogazione ed un'interpellanza del Consigliere Renzini.

Consentire l’apertura della nuova sede della Ludoteca comunale di fianco ad una sala “new slot” dove viene praticato il gioco d’azzardo:  è questo ciò che vogliono i cittadini?

Emanare un Regolamento di Polizia Urbana che sanziona l’uso dell’alcol nelle aree verdi pubbliche ed i comportamenti contrari alla pubblica decenza e non applicarlo appieno: è questo ciò che vogliono i cittadini?

Esiste oggi la sensibilità e la volontà dell’Amministrazione di “recuperare” il territorio sotto il profilo socio educativo?

Siamo sicuri che non è e non sarà possibile fare diversamente e meglio?

Sono questi i temi oggetto di un’interrogazione e di un’interpellanza protocollate nei giorni scorsi dal Consigliere comunale del Gruppo Misto di Bastia Umbra Avv. Fabrizia Renzini.

“Siamo arrivati ad un punto di non ritorno – spiega il Consigliere Renzini – Bastia non è più quella di una volta, cioè la cittadina rigogliosa e prospera, capace di attrarre visitatori per la vivacità del commercio, per le idee e l’innovazione non solo sotto l’aspetto della produttività industriale ma anche sotto quello dell’iniziativa socio-culturale. I negozi chiudono, le industrie si trasferiscono, le politiche culturali, pressochè inesistenti,  vengono totalmente caricate sulle spalle delle varie Associazioni locali, senza un supporto nè logistico nè economico da parte dell’Amministrazione Comunale. A questo si aggiunge l’assoluta  disattenzione per le problematiche giovanili, la mancanza di interventi e di  iniziative volte a prevenire fenomeni quali quello dell’abuso dell’alcol e di droghe, di atti di bullismo e di azioni contro il patrimonio pubblico e contrari alla pubblica decenza in genere”.

 

Aspetti da non sottovalutare, quindi, quello della rigorosa applicazione dei regolamenti comunali e dell’adozione di politiche socio-educative rivolte agli adolescenti le quali, necessariamente, presuppongono maggiori attenzioni nelle scelte e più efficaci sinergie con le scuole e con tutti i luoghi di aggregazione giovanile, nessuno escluso.

 
In altre parole…è d’obbligo l’intervento di prevenzione e di controllo da parte delle Pubbliche Amministrazioni.
 
 
10/03/2017
avv. Fabrizia Renzini

Consigliere Comunale “Gruppo Misto”

Lascia un commento