21.1 C
Bastia Umbra
19 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Politica

Ricci: Rifiuti in Umbria, la situazione è seria e bisogna verificare le discariche come Pietramelina: dove si metteranno in futuro le 120.000 tonnellate, all'anno, di rifiuti indifferenziati?

Mi stupisco di chi si stupisce dei “seri problemi dei rifiuti in Umbria” (i 4 ATI oggi si stanno riaggregando in AURI). Anche se la Regione arriverà al 70% di raccolta differenziata (risultato ancora lontano) rimarranno 120.000 tonnellate, di rifiuti indifferenziati, all’anno da smaltire. Su questo tema l’errore più grande è stato non decidere, per anni. Ora bisogna (entro due anni): produrre meno rifiuti, applicare la tariffazione puntale (pagando solo per i kg di rifiuti che si producono), riciclare i materiali e applicare “tecnologie innovative”, non impattanti con l’ambiente, per trasformare i rifiuti in energia (senza ampliare le discariche). In questo quadro ci sono anche state gare, per lo “smaltimento”, con ribassi (praticamente a zero) di “solo” l’1% che hanno prodotto, come ovvio, più costi per comuni, cittadini e imprese.
Per quanto attiene alle discariche attuali sono anni che bisogna verificare bene i materiali smaltiti a Pietramelina nonché le reali condizioni di tenuta della discarica (per essere certi che i terreni limitrofi non siano stati inquinati).
Ho chiesto alla Commissione d’Inchiesta, attivata in Regione, di acquisire le dichiarazioni di ARPA sul tema di Pietramelina (rilasciate in I Commissione) nonché l’atto di revoca dell’interdittiva antimafia su GESENU/GEST.
Peraltro ancora non si è fatto nulla per dotare i mezzi di trasporto dei rifiuti del sistema GIS/GPS per il controllo automatico del mezzo dall’origine alla destinazione e nel suo itinerario. Cosa si aspetta?
Ovviamente, nel rispetto dei limiti di “controllo” che la Legge conferisce ai Consiglieri Regionali, continuerò ad analizzare il tema in modo “preciso, rigoroso e documentato”.
06/02/2017
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).

Lascia un commento