20.9 C
Bastia Umbra
19 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra

Pecci: "I Tempi cambiano… Riflettiamo meglio sull’area Franchi. Social Housing e sottopasso di via Firenze possono essere interscambiabili?".

Erigo Pecci

Area Franchi Tutti ne parlano, ma nessuno ascolta.
Ci troviamo proposte tante esternazioni sull’Area Franchi, tutti esprimono un’opinione, ma si ha la sensazione che si dica tutto e il contrario di tutto, pur di marcare la posizione, mentre, ripeto, bisognerebbe ragionare sul merito del piano e sugli effetti della sua realizzazione.
La Maggioranza che governa si affretta a spiegare che tutto è pronto e che presto si parte, ma non si accorge che sostiene opere a cui si è opposta nel passato e sottace il dibattito sull’effettiva destinazione dell’area e sugli effetti che avrà sulla città. Non apre una discussione seria su cosa possano significare 150 appartamenti in Social Housing (case popolari) e su tanti dubbi che oggi presenta il Progetto. Insomma l’importante è fare, a prescindere.
Le minoranze da un lato votano contro in consiglio e dall’altro accusano la maggioranza di inerzia, dovremmo essere felici che ancora ci sono margini per rivedere e passare a una visione più attuale, se non il complesso dell’intervento almeno i punti più discussi.
Sottopasso Franchi

Ci sono poi le associazioni di categoria che non si capisce per chi parteggino: sostenere la necessità di una rapida risoluzione dei problemi che tengono sospesi i lavori, sottintende la necessità di sgomberare l’area dalle problematiche che la vincolano e quindi anche dall’Azienda in cui attualmente lavorano almeno 35 maestranze. Ma se è vero questo, si dovrebbe tener conto anche del fatto che ad oggi non si ha un piano concreto di delocalizzazione. Un’area a Bastia dove spostare la Officine Meccaniche Franchi che ha in corso commesse importanti e dà lavoro a 35 Famiglie.
Insomma più che di accelerare ci sarebbe bisogno di riflettere, più che di slogan ci sarebbe bisogno di argomentare su cosa è adeguato fare.
Per esempio proporrei un sondaggio tra i Bastioli.
Il sottopasso di Via Firenze, opera considerata strategica per anni e legata al piano, oggi molto condizionata dalle nuove norme, e le Social Housing interpretazione molto discussa dei volumi residenziali disponibili, potrebbero essere interscambiabili con la Proprietà?
Mi spiego meglio, Se la Proprietà riduce la costruzione delle Social Housing attualmente sovradimensionata rispetto al tessuto sociale Bastiolo, e regolamenta i processi di assegnazione e verifica, con la collaborazione delle Amministrazioni, l’Amministrazione stessa potrebbe rinunciare per ora al sottopasso e non richiedere alla Proprietà i conseguenti finanziamenti?
 
Erigo Pecci
Bastia Umbra 17/02/2017

Lascia un commento