33 C
Bastia Umbra
8 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Bastia Umbra Politica

Il PD Bastia replica all'assessore Degli Esposti.

Ringraziamo l’Assessore Degli Esposti per le risposte e ricordiamo a chi nella maggioranza ha avuto qualche mal di pancia per i recenti comunicati, che l’opposizione impiega il suo tempo a sollevare questioni, spesso su segnalazione dei cittadini – in questo caso non tutti entusiasti di questa opera – perché questo è il suo dovere nonché suo diritto; la dialettica e il contraddittorio, anche se ironici o sarcastici, non sono gettare benzina sul fuoco, ma semplicemente democrazia. Chi ha o avrebbe la pretesa di amministrare senza opposizione ha un altro nome.

Venendo al merito delle risposte, non ci risulta che l’opera realizzata risponda né in dimensioni né in costi, al progetto originario presentato dalla Giunta Lombardi, provvederemo a verificare; ma anche se così fosse, i progetti possono essere cambiati e razionalizzati, tant’è vero che i costi realizzativi di questo (730.000€) ci sembrano quantomeno eccessivi e spropositati in un momento economico non certo roseo.

Bene fa l’Assessore a ricordare che “le lunghe code che si formavano quando c’erano i semafori ora sono solo un ricordo”. Nessuno sia chiaro mette in discussione l’utilità di un’opera che la città aspettava da tempo, ragione per cui il gruppo consiliare PD votò per senso di responsabilità la variante al PRG. Non capiamo a maggior ragione il motivo per cui dopo un investimento del genere per eliminare finalmente i semafori, si siano spesi ulteriori fondi (cofinanziamento regionale di cui una parte a carico del Comune/ contribuenti bastioli) per realizzarne di nuovi a 400 metri di distanza – scelta legittima da parte di questa Amministrazione sia chiaro – per poi però scegliere di lasciarli lampeggianti per mesi. Sapevamo che questi nuovi semafori fossero intelligenti e che si attivano da soli quando necessario, ma che fossero pure permalosi e dopo mesi di inattività tornino a funzionare – anche quando non necessario – dopo le nostre osservazioni ci lascia perplessi. Le cose sono due: o non ce n’era bisogno o non sono molto intelligenti!

Ben venga che l’Assessore si assuma la responsabilità di aver scelto di attribuire la realizzazione dell’arredo urbano ad un professionista – di cui nessuno mette in discussione le competenze – per una somma complessiva pari a €100.000. Al di là della tematica dell’arredo, non é questo il punto (scontato che i rionali fossero d’accordo), a nostro giudizio sarebbe stato opportuno impegnare quelle risorse per questioni socialmente più utili, a maggior ragione se professionisti e non (sicuramente i rionali per primi) sarebbero stati disposti a lavorare gratuitamente.

Lungi da noi voler essere o fare professori o professorini, né tantomeno alzare ditini; vorremmo semplicemente capire la ragione per cui questa Amministrazione sembra sempre invocare in modo critico e apocalittico le scelte fatte dalle passate Amministrazioni di centrosinistra quando emerge una qualsiasi problematica, e, d’altro canto, non riconosce ad esse alcun merito, arrivando ad avere pure la pretesa di avallarsi tutti gli onori anche laddove ammette di copiare in toto o portare avanti progetti delle Amministrazioni stesse.

Da ultimo riteniamo che tanto per il centro storico quanto per la viabilità in generale sarebbe opportuno, prendendo spunto anche dalle osservazioni promosse dal Consigliere Possati, rivolgersi a professionisti specializzati e qualificati per lo sviluppo di appositi piani di intervento, nella speranza che il Consigliere facesse riferimento nella sua nota alla stampa, oltre che agli illustri Ing. Serra, Arch. Leoncilli e Ing. Capitanucci – tra l’altro scelti dalle tanto denigrate Amministrazioni di centrosinistra – anche all’Arch. Salgado.

18/09/2015

Giacomo Giulietti

Segretario Circolo PD – Bastia Centro

Lascia un commento