19.8 C
Bastia Umbra
11 Agosto 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Sport

Fabio Fanuli: "Perugia è ormai la mia seconda casa!"

– Pensieri in libertà con il libero pugliese, alla sua terza stagione in bianconero: “Tutto procede bene. Con Castellani abbiamo intrapreso una strada ben precisa e molto interessante da seguire in vista di una stagione che definirei particolare ed affascinante. Solo il campo però dirà se questa è la Sir più forte degli ultimi anni” –

PERUGIA – “Perugia è ormai la mia seconda casa! Sto davvero bene qui, la gente mi fa sentire il suo affetto ed ho costruito anche molte amicizie fuori dal palazzetto. Mi sento proprio bene!”.

Comincia così la chiacchierata con Fabio Fanuli, al suo terzo anno di fila alla Sir Safety Conad Perugia. Il libero pugliese di Grottaglie, uno dei perni dello spogliatoio bianconero, ha saputo conquistarsi l’affetto e la stima di tutti al PalaEvangelisti per i suoi modi gentili, la sua abnegazione al lavoro e le sue prestazioni in campo. Mai una parola fuori posto, sempre disponibile al sacrificio, sempre pronto a dare tutto per il bene della squadra.

Questo è il “Faro” dei Block Devils che forma con il compagno Andrea Giovi un reparto di liberi di sicuro affidamento per coach Castellani.

Nella mattinata libera concessa dal tecnico argentino, in attesa della seduta pomeridiana, Fanuli fa il punto sulla preparazione al campionato dei Block Devils:

“Procede tutto bene e devo dire che stiamo lavorando tantissimo. In sala pesi credo che stiamo facendo un lavoro eccezionale ed anche sul campo stiamo portando avanti le idee di Daniel (Castellani, ndr). Siamo partiti con molta tecnica individuale, tanto lavoro analitico, mentre ora stiamo iniziando quello sintetico, anche grazie all’arrivo negli ultimi giorni di alcuni compagni che ci consente di essere in numero maggiore agli allenamenti. C’è perciò la giusta gradualità nel lavoro svolto, direi i classici step della preparazione”.

Castellani ha subito destato un’ottima impressione in Fabio:

“Prima parlavo delle sue idee, che sono ben chiare e precise, sia dal punto di vista tecnico che come sistema di gioco. Si vede subito che ha tanta esperienza, costruita oltretutto allenando in giro per il mondo ed anche a livello di nazionali. Ha un approccio diverso rispetto agli ultimi allenatori che abbiamo avuto. Io credo che nella pallavolo non esista una sola strada o un solo punto di vista. Ce ne possono essere tante, diverse e tutte giuste. La cosa importante è che ci sia una strada da seguire e con Castellani se abbiamo intrapresa una certamente interessante. Poi sta a noi giocatori, è il nostro lavoro, seguire il solco tracciato dal tecnico. Per quello che più attiene al mio ruolo ad esempio stiamo curando tanto la tecnica di ricezione e quando saremo al completo potremo mettere in pratica l’idea di gioco che ha in mente”.

Fanuli ed i suoi compagni sono attesa da una stagione per cuori forti:

“Che anno mi aspetto? In due parole particolare ed affascinante. È un anno pre-olimpico per cui molto compresso, con tante gare ravvicinate. In più ci sono tante squadre che si sono rinforzate, con il livello medio del campionato secondo me più alto. Per noi sarà fondamentale raggiungere quel livello tale per giocarsela alla pari contro tutti. Sarà questo il passaggio chiave. Poi vincere o perdere nello sport può dipendere anche da un solo piccolo dettaglio”.

La chiusura è a bruciapelo:

“Vuoi sapere se quella di quest’anno è la Sir più forte delle ultime tre stagioni? Mi sembra difficile dare una risposta. Forse come completezza della rosa sì, ma saranno solo il campo ed i risultati a dare la risposta corretta. Certo è che noi faremo di tutto per far dire sì a questo benedetto taraflex!”.

 09/09/2015

UFFICIO STAMPA SIR SAFETY CONAD PERUGIA

Lascia un commento