20.2 C
Bastia Umbra
26 Giugno 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Sport

Sfuma al tie break il sogno della finale per i Block Devils.

– Trento si aggiudica la semifinale di Coppa Italia dopo cinque elettrizzanti set. Alla Sir non basta andare due volte in vantaggio per aver ragione della capolista della SuperLega. Alla fine c’è comunque l’applauso dei tanti supporters bianconeri giunti al PalaDozza –

PERUGIA – È nemico stavolta il tie break per la Sir Safety Credito Cooperativo Umbro Perugia nella semifinale di Coppa Italia.

I Block Devils cedono al quinto set al cospetto di Trento, capolista della SuperLega, e vedono sfumare sullo striscione del traguardo il sogno di giocare ancora la finalissima che assegna la coccarda tricolore. Sogno che si aggiudica alla fine Trento, brava a non mollare ed a risalire due volte dallo svantaggio di un set. Reazione che non riesce invece alla Sir che gioca tre ottimi parziali, mancando nel secondo il guizzo vincente, e cala poi nella quarta e quinta frazione lasciando alla fine il campo senza sorriso, ma comunque con l’applauso dei tantissimi tifosi giunti da Perugia che hanno incitato i propri beniamini dal primo all’ultimo pallone.

Sfuma dunque il primo obiettivo stagionale per i ragazzi di Grbic. Un Grbic che ha schierato la stessa formazione dei quarti con Verona con capitan Vujevic in campo dal primo pallone. Il fenomeno serbo-perugino ha giocato da par suo, guidando i compagni per tre set con le sue giocate strappa-applausi ben coadiuvato da Atanasijevic e da Fromm. Poi, avanti due set ad uno e dopo un terzo parziale dominato, nella metà campo bianconera si è spenta la luce. Trento ha forzato molto e con profitto dai nove metri, mentre i Block Devils non sono più riusciti ad essere incisivi sotto rete con il muro avversario (14 alla fine quelli vincenti) che ha bloccato a più riprese gli attacchi bianconeri.

Resta della serata del PalaDozza il rammarico per aver visto passare davanti la possibilità di arrivare all’epilogo della competizione ed una sconfitta sulla quale lavorare per il proseguo della stagione in SuperLega ed in Champions League.

 

LA CRONACA

Grbic presenta di nuovo in campo capitan Vujevic in coppia con Fromm in posto quattro. Stoytchev schiera la formazione tipo con Zygadlo-Nemec diagonale di posto due. È di Atanasijevic il primo pallone a terra. Due di Nemec, out Fromm e vantaggio Trento (1-3). Out anche Beretta (2-5). Vantaggio immutato dopo il colpo di Kaziyskyi (6-9). Proprio il bulgaro tira in reta la pipe che riporta le due squadre a contatto (9-10). Perfetta parità dopo l’ace di Atanasijevic (11-11). Nel servizio successivo “Magnum” pesta la linea di fondo ed al timeout tecnico Trento è avanti (11-12). Passa avanti la Sir con la pipe di Fromm (13-12). Nuovo cambio di fronte con il punto di Lanza (13-14). Il turno al servizio di Nemec prosegue (13-16). Doppio cambio Sir con dentro Maruotti e Sunder. Proprio l’americano prima accorcia (15-16) e poi impatta (17-17). Break dei Block Devils con il muro di Buti (19-17). Nemec ne mette due. Si torna in parità (19-19). Tornano Vujevic e Fromm. Out Nemec da seconda linea (21-19). Il muro di Fromm su Nemec mantiene il vantaggio di Perugia (23-21). Beretta chiude il primo tempo che porta i bianconeri al set point (24-22). Gran difesa di Giovi sul primo tempo di Birarelli ed Atanasijevic in contrattacco porta avanti la Sir (25-22).

Si riparte con le stesse formazioni. Il primo break è dei bianconeri con una magia di Vujevic (5-3). Le bombe di Zakiyski al servizio capovolgono (5-6). +2 Trento dopo il muro di Birarelli (5-7). Timeout Grbic. Ancora colpo del capitano per il 7-7. Vantaggio Sir con l’ace di Vujevic (9-8). Il punto di Fromm manda le squadre al timeout tecnico (12-10). Vantaggio immutato dopo il colpo di Atanasijevic (15-13). Il turno al servizio di Nemec ristabilisce l’equilibrio (16-16). Riparte la Sir con Atanasijevic (19-16). Trento si riporta subito sotto con Lanza (19-18) e pareggia nuovamente con l’ace di Kaziyski (19-19). Scappa Trento con due in fila di Solè ed un muro (20-23). Atanasijevic riporta sotto Perugia (22-23) ed il muro di Buti pareggia i conti (23-23). Solè a segno, set point Trento (23-24). Anche Buti mette giù il primo tempo. Si va ai vantaggi (24-24). Lanza maniout (24-25). Out il servizio del martello azzurro (25-25). In rete Atanasijevic (25-26). Errore trentino (26-26). Kaziyski (26-27). Dentro Barone. Muro di Kaziyski. Perfetta parità (26-28).

Il terzo set parte con il punto di Lanza. Vantaggio bianconero con l’ace di Fromm e due punti di Vujevic (6-3). Arriva prima la Sir al timeout tecnico dopo l’errore al servizio di Lanza (12-8). Si fa subito sotto Trento con il muro di Birarelli ed il contrattacco di Nemec (12-11). Gira la Sir con la parallela e due ace di Fromm ed il colpo d’astuzia di Vujevic (16-11). Ancora “Panzer” dai nove metri e Vujevic in contrattacco (19-11). Due muri del neo entrato Burgsthaler accorciano (19-14). Grbic decide di parlarci su. È ancora capitan Vujevic a far girare i Block Devils (20-14). L’altro nuovo entrato Fedrizzi riduce ulteriormente il gap (20-16). I cambi di Stoytchev stabilizzano Trento, ma il maniout di Atanasijevic mantiene Perugia avanti (23-19). Attacca out Nelli e le proteste di Stoytchev per un tocco del muro costano il rosso che chiude il set (25-19).
Equilibrio nelle fasi iniziali della quarta frazione con Burgsthaler in campo per Birarelli. Il punto di Atanasijevic segna 4-3 sul tabellone. Avanti Trento con la difesa ed il muro di Solè (5-7). Out Vujevic e +3 Trento (6-9). Grbic ferma il gioco. Altro cartellino rosso, stavolta a Buti, e Trento scappa (6-12). Dentro Paolucci. Prova a scuotersi Perugia con il muro di Beretta (10-14), ma l’attacco out di Fromm porta Trento 11-17 ed il contrattacco di Nemec 11-19 con Grbic che cambia in pratica il sestetto in campo. Il set è però ormai segnato ed il punto del neo entrato Nelli rimanda il nome della finalista al tie break (14-25).
Tie break che inizia con Trento avanti dopo l’errore al servizio di Vujevic. Il muro di Zydaglo ferma Fromm (1-3). Scappa Trento con l’ace di Kaziyski (2-5). Atanasijevic non mette palla a terra ed al cambio di campo Trento è avanti 3-8. C’è solo una squadra in campo adesso (4-10). I Block Devils hanno un sussulto con Atanasijevic e Buti (7-10), ma la vittoria è saldamente in mano a Trento che agguanta la finale con l’errore al servizio conclusivo di Atanasijevic (10-15).
 
VIDEO CHECK
 
1° SET: 1-0 (attacco Nemec) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in out Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (1-1)
1° SET: 10-11 (battuta Atanasijevic) Video Check richiesto da: Trento per verifica in out Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Perugia (11-11)
2° SET: 26-27 (muro Trento) Video Check richiesto da: Perugia per verifica invasione Decisione arbitrale confermata, punto assegnato a Trento (26-28)
3° SET: 11-8 (battuta Lanza) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in out Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Perugia (12-8)
3° SET: 13-11 (battuta Fromm) Video Check richiesto da: Perugia per verifica in out Decisione arbitrale invertita, punto assegnato a Perugia (14-11)
 
IL TABELLINO
 
SIR SAFETY CREDITO COOPERATIVO UMBRO PERUGIA- ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO 2-3
Parziali: 22-25, 28-26, 19-25, 25-14, 10-15
Durata Parziali: 28, 35, 27, 21, 17. Tot.: 2h 08’

ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO: Zygadlo 2, Nemec 20, Solè 10, Birarelli 3, Kaziyski 15, Lanza 19, Colaci (libero), Fedrizzi 2, Burgsthaler 3, Mazzone, Nelli 1, Giannelli. N.E.: Thei (libero). All. Stoytchev, vice all. Simoni.

SIR SAFETY CREDITO COOPERATIVO UMBRO PERUGIA: De Cecco 1, Atanasijevic 24, Beretta 6, Buti 6, Fromm 15, Vujevic 14, Giovi (libero), Sunder 2, Maruotti 2, Barone 1, Paolucci. N.E.: Fanuli (libero). All. Grbic, vice all. Fontana.

Arbitri: Matteo Cipolla – Luca Sobrero

LE CIFRE – TRENTO: 14 b.s., 6 ace, 68% ric. pos., 29% ric. prf., 42% att., 14 muri. PERUGIA: 22 b.s., 6 ace, 52% ric. pos., 22% ric. prf., 40% att., 10 muri.

 10/01/2015

UFFICIO STAMPA SIR SAFETY CREDITO COOPERATIVO UMBRO PERUGIA

Lascia un commento