12.1 C
Bastia Umbra
6 Dicembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Corriere dell'Umbria

Scuole nel mirino dei soliti ignoti

I ladri hanno visitato diversi edifici del territorio, portando via tutto quello che hanno trovato

BASTIA UMBRA Scuole bastiole ancora una volta nel mirino dei ladri. Nel giro di una settimana, infatti, una sequela di furti e tentati furti è stata registrata in diversi istituti scolastici del territorio,iniziata giovedì scorso con un tentativo di furto andato a vuoto al nido di San Lorenzo, visitato ancora nella notte tra sabato e domenica e, in questo caso, derubato di una tv e altro materiale didattico.Ma è nel fine settimana che i ladri si sono scatenati, visitando la scuola di Cipresso (dove però non sono riusciti ad entrare) e il plesso di Ospedalicchio, violato più volte negli ultimi giorni. I ladri hanno infatti prima visitato la scuola primaria,forzando la porta blindata di ingresso eseminando il caos nell’ edificio, senza tuttavia rubare niente se non qualche moneta dal distributore automatico di bevande.Quindi è stata la volta della materna,presa di mira nella notte tra martedì e mercoledì. Qui i ladri si sono introdotti, seminando il solito caos nei locali, ma lasciando l’edificio a mani vuote. Gli ultimi episodi allungano l’elenco di colpi subìti nel tempo dalle strutture scolastiche bastiole (ormai sono più di venti, in poco più di due anni, i furti andati a segno). Un fenomeno che suscita sempre più indignazione nel personale scolastico e nei genitori degli alunni, ma che potrebbe presto subire una battuta d’arresto grazie ai sistemi di allarme di cui l’amministrazione comunale sta dotando alcuni istituti.Parallelamente si sta procedendo alla mappatura delle telecamere di videosorveglianza esterna, per rendere il sistema più efficace ed eventualmente procedere al suo potenziamento,risorse permettendo, con l’auspicio che ciò basti a scoraggiare la sfrontatezza di balordi che creano danni e disagi mettendo in allarme un’intera comunità.

Lascia un commento