9.1 C
Bastia Umbra
7 Dicembre 2022
Terrenostre 4.0 giornale on-line Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Assisi

Solidarietà al ministro Kyenge

Claudia Maria Travicelli
Capogruppo Democratici e Popolari per Assisi

Non comprendo come mai,gente come Roberto Calderoli ancora è tenuto in considerazione e possa regolarmente ricoprire incarichi di governo. Da sempre,uomo razzista e goffo,amante della politica ridicola,fatta di battute,arroganza e di offese. Questa, cari signori non è più politica,poi ci meravigliamo se la gente comune si disamora fino ad arrivare a non andare a votare. Penso da donna,da politica e da cittadina, che stavolta non dovrebbe proprio cavarsela con false affermazioni o rinnegando le  buffoneria dette in precedenza. Laggressione verbale alla ministra Cécile Kyenge è stato un atto gravissimo di violenza razzista. Calderoli in quel comizio,come al solito sapeva,a mio avviso cosa stava facendo e con un giro di parole, cosa avrebbe detto. Offensivo,ancor più,trovo le dichiarazioni successive al fatto,rilasciate dal Calderoli,quando avrebbe definito la sua battuta innocente. Perché la ministra Cecile Kyenge non può (secondo il leghista Calderoli) ricoprire tale incarico?Perché ha la pelle nera! Ebbene, mi domando,se Calderoli fosse vissuto in America cosa avrebbe combinato ad Obama!Per non parlare sui suoi dubbi se la ministra  abbia il diritto o no di ricoprire un incarico di governo. Può fare il ministro, ma in Congo avrebbe  sostenuto Calderoli- non può fare il ministro in Italia.E bene ricordare, che Cécile  Kyenge è naturalizzata e per legge cittadina italiana, né più né meno di Roberto Calderoli, ed ha quindi i tutti requisiti necessari per assumere incarichi di governo. Mi domando invece,può lItalia permettersi, di concedere un tale ruolo pubblico a chi semina odio e  razzismo, alimentando solo pregiudizi?Mi auguro che da subito,il Senato provveda a sollevare Calderoli dalla carica che sta ricoprendo,dopo che a mio avviso per troppi anni abbiamo dovuto sopportare offese e volgarità razziste,che ogni volta ha profuso contro singole persone e contro interi popoli e fedi religiose. Sono pienamente convinta, che la nomina di Cécile Kyenge come ministra dellIntegrazione è stato sicuramente,per le qualità e la sensibilità dimostrata dalla stessa, latto più innovativo del governo che si è insediato da poco in Italia.

 


Claudia Maria Travicelli

(Capogruppo Democratici e Popolari per Assisi)

 

Assisi (PG) 15 Luglio 2013

 

Lascia un commento