16.3 C
Bastia Umbra
5 Giugno 2020
Terrenostre 4.0 giornale on-line, Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara
Attualità Politica

Cyberbullismo, Porzi: “Il Governo ha perso. Legge umbra sul cyberbullismo legittima, un grande risultato”.

Perugia, 11 maggio 2019 – “La legge sulla prevenzione e il contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo è una legge di civiltà. A confermarlo arriva la sentenza della Corte Costituzionale che dichiara infondate le questioni di legittimità costituzionali sollevate dal Governo. Va ricordato in particolare al Ministero degli Interni guidato da Salvini che la nostra norma, come scritto nella sentenza, promuove valori di civiltà̀ tra le fasce più giovani della popolazione e non va considerata come una misura di repressione ”. Così la presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Donatella Porzi, commentando la sentenza 116 del 2019 della Corte, che si è espressa sul provvedimento approvato dall’Assemblea legislativa dell’Umbria e firmato insieme al consigliere Silvano Rometti.

“La Corte Costituzionale – spiega la presidente Porzi – riconosce la bontà del lavoro svolto a Palazzo Cesaroni, portato avanti con condivisione e partecipazione. La sentenza spiega infatti che quelli previsti nella legge umbra, approvata all’unanimità, sono provvedimenti con finalità ‘di carattere educativo e sociosanitario, estranee alla materia di competenza esclusiva statale di ordine pubblico e sicurezza. Interventi di carattere social – preventivo, senza che possa configurarsi ingerenza alcuna’. Il legislatore umbro – riferisce Porzi citando la sentenza – è intervenuto per ‘tutelare e valorizzare la crescita educativa, sociale e psicologica dei minorenni’”.

“Una grande soddisfazione per l’Assemblea legislativa dunque – prosegue Porzi – per i consiglieri che avevano approvato il provvedimento, ma anche per la struttura tecnica, con cui la legge era stata predisposta. Un risultato che suggerisce altresì a tutte le Istituzioni di adempiere al proprio dovere con attenzione, in maniera scevra da ogni sospetto di strumentalizzazione”.

Alessandro Orfei

Lascia un commento

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati fanno uso di cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettare l’utilizzo di cookie chiudendo o nascondendo questa informativa, cliccando un link o un pulsante o continuando a navigare in altro modo. Accetto Leggi di più

Privacy & Cookies Policy